Matrimonio in chiesa: tutto quello che dovete sapere sul matrimonio religioso in 10 punti

In 10 punti ecco a voi la guida definitiva del matrimonio religioso: tutto quello che dovete sapere se vi sposate in chiesa

Matrimonio in chiesa: tutto quello che dovete sapere sul matrimonio religioso in 10 punti
  • Matrimoni religiosi
  • Intervista
  • Cattolico
  • Sposi

Se diamo un’occhiata alla tendenza generale dei dati Istat, benché i matrimoni civili siano in vertiginoso aumento, oltre la metà gli italiani continua a pronunciare il “Sì lo voglio” più importante davanti ad un prete piuttosto che dinnanzi ad un ufficiale. La tradizione resiste soprattutto al Sud, dove i matrimoni celebrati sull’altare sono ancora prevalenti, con valori che oscillano tra l’86% della Basilicata e il 53% della Sardegna, mentre nelle città del nord e del centro i matrimoni civili sono ormai in netta maggioranza, raggiungendo punte superiore all’83% a Siena e Bolzano e con altre tredici grandi città oltre il 70 per cento, compresi capoluoghi di regione come Milano, Firenze e Bologna. Per questo oggi vogliamo proporre una guida completa a tutti gli sposi che stanno per compiere il grande passo mediante rito religioso e devo tenere presente alcun cose.

Indice

  1. Gli aspetti burocratici
  2. Le tempistiche
  3. La liturgia del matrimonio
  4. Come personalizzare il rito
  5. Gli allestimenti della Chiesa
  6. La scelta dell’abito da sposa
  7. L’outfit degli invitati
  8. L’intrattenimento musicale
  9. La scelta del fotografo
  10. Pillole di galateo
Salvarematrimonio in chiesa
Guanfranco – Unsplash

1.Gli aspetti burocratici

Se decidete di sposarvi in chiesa uno dei primi step da compiere è la partecipazione al corso prematrimoniale che consiste in una preparazione spirituale alla futura vita di coppia: qui potrete consultare tutti i dettagli su questa tappa necessaria, la cui durata è solitamente di due mesi, per un totale di una diecina di incontri. Capisco che per la maggior parte delle persone possa sembrare una perdita di tempo – racconta  Sabrina Gambato Events & Wedding Planner di Ti amo Ti sposo – ma in fondo sapete che è un piccolo sacrifico se voi o il vostro consorte è credente. In alcuni casi può essere persino utile affrontare alcuni argomenti e approfondirli poi a casa con il fidanzato, se chi affianca la gestione del corso è uno psicologo o ha molta esperienza nelle relazioni umane potreste avere dei consigli utili per il futuro”.

Salvarematrimonio in chiesa
Atul Vinayak – Unsplash

Venendo alla questione burocratica, in vista della celebrazione del matrimonio in Chiesa e dopo il corso prematrimoniale, i documenti di cui avrete bisogno sono i seguenti:

  • il  certificato di Battesimo
  • il certificato di Cresima
  • in alcuni casi anche il certificato di stato libero ecclesiastico
  • l’attestato di partecipazione al corso prematrimoniale

Una volta ottenuto il consenso alle nozze, Stefania Guastini  ci spiega che vengono affisse le pubblicazioni religiose per 8 giorni, comprendenti 2 domeniche. Concluse le due settimane, il parroco rilascerà il certificato di avvenuta pubblicazione con cui presentarsi in comune per avviare le pratiche civili. Il matrimonio celebrato in Chiesa – puntualizza Barbara Pantano di Come nei sogni – si chiama, matrimonio concordatario, ad esso, lo Stato Italiano, riconosce gli effetti civili.

La burocrazia di una cerimonia religiosa secondo il rito cattolico romano o ambrosiano è regolata da regole generali disposte dalla Curia romana e da circolari di indirizzo che possono essere recepite e interpretate diversamente a seconda della Diocesi. Insomma, ci sono tante regole, molte sono discrezionali, e spesso nel tentativo di aggirarle rischiate di inimicarvi la parrocchia col rischio di rovinare tutto. La soluzione dovrebbe essere semplice: scegliete questo tipo di cerimonia solo quando credete davvero nel suo valore.

2.Le tempistiche 

“Una sposa serena è destinata ad essere una sposa felice: questo è il mio motto!” – esordisce Sara di Oui Darling Studio Creativo. Il consiglio della wedding planner di Mantova è quindi quello di provvedere al disbrigo delle pratiche matrimoniali con largo anticipo: questo vi darà molta tranquillità e vi solleverà da ulteriori impegni “sotto data”, e vi metterà al sicuro da contrattempi che possono rovinare il vostro Giorno più bello.

E anche se è possibile organizzare un matrimonio express è sempre il caso di muoversi con anticipo. Il primo passo è scegliere la parrocchia, consiglia la wedding planner milanese Stefania Guastini, che potrà essere quella di lei, quella di lui o quella legata alla nuova residenza dei futuri sposi. “Incontrate il parroco che avete scelto, accordatevi anche per iniziare il corso prematrimoniale, visitate la chiesa in cui vi sposerete. Considerate che i tempi indicativi sono di un totale di 85 giorni per la formazione religiosa” conclude Sara.

Salvarematrimonio in chiesa
Markus Winkler – Unsplash

3.La liturgia del matrimonio

Durante la celebrazione della Santa Messa, Barbara di “Come nei sogni” sottolinea che due in particolare saranno i momenti dedicati alla celebrazione delle nozze: il rinnovo delle promesse battesimali, all’inizio della funzione religiosa, ed il rito vero e proprio del matrimonio, con lo scambio degli anelli e delle promesse nuziali che si svolge dopo l’omelia e si conclude con la benedizione agli sposi. Interessante sapere che salvo deroghe, non ci si può sposare durante la Quaresima e l’Avvento.

All’interno del rito, Barbara ci parla poi di due momenti particolari, come l‘incoronazione degli sposi e la velazione. Il primo si celebra dopo la consegna degli anelli come segno della loro partecipazione alla regalità di Cristo. L’incoronazione evoca anche il dono dell’uno all’altro con cui Dio incorona l’esistenza degli sposi, mentre la velazione viene eseguita prima della benedizione nuziale, i testimoni ed i genitori porranno sulla testa degli sposi un velo. Segno della comunione di vita che lo Spirito, avvolgendoli con la sua ombra, dona loro di vivere. Richiama la casa, la Chiesa domestica che gli sposi costituiscono e il dono dello Spirito Santo che rende feconda l’unione degli sposi.

Salvarematrimonio in chiesa
Victoria Priessnitz – Unsplash

4.Come personalizzare il rito

Scegliere la scenografia del proprio matrimonio richiede studio e dedizione, quello che ripetiamo sempre è che ci sia un fil rouge perfetto che guidi tutto l’allestimento e la scelta dei colori per le proprie nozze. Tutto deve rispecchiare l’identità e la personalità degli sposi e tutto può essere personalizzato. Barbara ci fa poi notare come sia possibile personalizzare il rito cattolico, a partire dalla scelta delle letture matrimonio. Ci dice: “Potrete scegliere insieme al parroco o chiedere ai vostri invitati di preparare delle intenzioni da leggere durante la funzione religiosa, e naturalmente potrete leggere voi stessi le vostre intenzioni. Durante il momento dell’offertorio, potete presentare degli oggetti che hanno rappresentato la vostra storia d’amore, leggendo una breve spiegazione mentre questi vengono portati all’altare”.

Il valore più grande della cerimonia sacra è rappresentato dall’aspetto spirituale. Sara di Oui Darling Studio Creativo raccomanda “Curatelo più di ogni altro, non c’è nulla di più bello di due sposi commossi ed emozionati!”. Quante volte abbiamo ripetuto che sposarvi è il regalo più bello che potrete fare all’altro e a voi stesse? Barbara Pederzini di Fatamadrina consiglia inoltre di attenersi a tre semplici principi per assicurarvi un rito sentito e coinvolgente

  • accettate e rispettate le regole e i costumi della chiesa in cui vi sposate – anche se queste impediscono per esempio lancio di riso o petali fuori dalla chiesa, allestimenti complessi, canti Gospel, foto durante il momento centrale del rito
  • coltivate un relazione onesta e rispettosa con il prete che vi sposerà, approfittando del percorso del corso fidanzati ma anche coinvolgendolo se ne ha voglia in una creazione collaborativa del libretto della cerimonia
  • non costringete i vostri ospiti a partecipare a momenti della cerimonia se sapete che non credono e che si troverebbero a disagio

Insomma, al di là di tradizioni, regole e galateo, amore e rispetto sono la risposta ad ogni situazione!

Salvarematrimonio in chiesa
Kevin Lanceplaine – Unsplash

5.Gli allestimenti della Chiesa

Veniamo ora alle decorazioni. Mentre per la location avrete una certa flessibilità, per ciò che riguarda gli allestimenti floreali della chiesa, Giorgia Fantin Borghi ci fa notare come spesso i sacerdoti impongano alcune linee guida per la decorazione indicando i “punti sì” e i “punti no” per gli addobbi. “Parlatene con chi si occuperà della questione ma tenete bene a mente che non è mai una buona idea trasgredire alle regole della chiesa che vi ospita. Piuttosto cercate di focalizzare l’attenzione sulla tipologia di addobbo coordinandolo sia allo stile della chiesa che alla tipo di cerimonia che avete in mente”. Inoltre, prosegue Giorgia, ricordate che gli sguardi saranno focalizzati principalmente su di voi, i punti di maggior impatto saranno quindi: il portale della chiesa all’entrata e all’uscita, la zona antistante l’altare, dove sosterete più a lungo, e le vostre sedute. Pensate quindi a come evidenziare questi tre punti particolarmente significativi per questa nuova fase di voi come coppia e avrete foto meravigliose! Evitate di far allestire nicchie laterali poco visibili o punti troppo bassi per essere notati, sì invece al decoro delle balaustre. Ultimo consiglio: non sovraccaricate una cattedrale già riccamente decorata e utilizzate fiori e verdi dai toni chiari per illuminare una cappella romanica. E se il sacerdote dice no al riso all’uscita dalla chiesa? Pazienza! Ripiegate su capocchiette di camomilla: deliziosamente tenere!  

Salvarematrimonio in chiesa
Jamie Coupaud – Unsplash

AncheBarbara di “Come nei sogni” ci fa notare come alcuni parroci pongano limitazioni alla decorazione della Chiesa, sia per quanto riguarda la quantità di addobbi sia i colori da usare. “Per questo vi consiglio di organizzare un incontro a con il vostro floral designer, per evitare equivoci e problemi il giorno delle nozze”. Sara di Oui Darling Studio Creativo consiglia di fissare un appuntamento con la vostra wedding planner, insieme tornate a vedere la chiesa e con molta gentilezza informatevi, chiedendo al parroco, se ciò che desiderate per la cerimonia è fattibile (fiori, musica, orario,..etc), cercate di avere il suo benestare, in modo da non trovarvelo il giorno delle nozze a placcare fioriste o quartetto d’archi sul sagrato. Non in tutte le chiese sono consentite le stesse cose, non tutti i parroci sono disposti ad assecondare gli sposi in ogni cosa.

6.La scelta dell’abito da sposa

Se si prende la decisione di scegliere il matrimonio religioso bisogna sicuramente tenere presente che si dovrà sottostare alle regole che questa scelta implica, sostiene Sabrina Gambato. “Trattandosi di un luogo sacro – prosegue Sabrina – bisogna essere rispettosi delle tradizioni del luogo che ci ospita, vuol dire ad esempio che l’abito della sposa dovrà avere le spalle coperte da una stola o dal velo, e nel caso di matrimoni autunnali o celebrati in inverno, l’outfit potrà essere completato da un coprispalle, che poi verrà tolto durante il ricevimento. Per quanto possa essere irresistibile un abito da sposa sexy o trasparente, meglio rispettare la sacralità del luogo ed evitare inutili imbarazzi.

Sara di Oui Darling Studio Creativo raccomanda di riservare solo per il ricevimento un abito particolarmente scollato o ad effetto nude. Barbara di Come nei sogniraccomanda alla sposa un certo “decoro”, sconsigliando trasparenze esagerate, minigonne, scollature vertiginose. “Se proprio non potete adeguare il vostro abito procuratevi una stola/bolerino da tenere solo durante la funzione religiosa”. Grande attenzione, quindi, alla scelta dell’abito se le vostre preferenze ricadono su modelli da sposa corti: meglio considerare altre linee per la cerimonia in chiesa.

Salvarematrimonio in chiesa
Thomas Ae – Unsplash

7.L’outfit degli invitati

Ma veniamo agli invitati di nozze, e soprattutto alle loro signore. Già, perché, mentre la scelta del look per l’uomo è sempre più semplice, o quanto meno codificata, noi miladies entriamo in un’area minata, e basta davvero fare un passo falso per rovinare un outfit. Per gli ospiti, Barbara di Come nei sogni dice NO ai look total black o total white, NO alle spalle scoperte e NO agli abiti troppo corti. “Vorrei che non ci fosse più bisogno di dirlo ma evidentemente molte ragazze stentano ad assimilare questo concetto: non ci si veste di bianco ai matrimoni altrui!” insiste giustamente Valeria Ferarri, wedding planner, che raccomanda di valutare attentamente evenutali indicazioni contenute nelle partecipazioni, oltre alla tipologia di queste ultime: già in sé, infatti, forniscono molte indicazioni sullo stile e sul livello di formalità dell’evento.

Non potremmo essere più d’accordo dato che per un’invitata non c’è di peggio che sentirsi a disagio: per questo raccomandiamo di scegliere attentamente l’outfit tenendo conto del dress code qualora imposto dagli sposi, dell’ età, del  fisico, del luogo e del momento dell’evento. Un paio di tacchi vertiginosi esibiti ad un ricevimento a piedi nudi in spiaggia sono altrettanto di cattivo gusto di una mini fuxia in una chiesetta raccolta.

Salvarematrimonio in chiesa
Samantha Gades – Unsplash

8.L’intrattenimento musicale

“Parlare di nozze in Chiesa vuol dire anche musica, sostiene Serena ObertL’intrattenimento musicale fa infatti parte della liturgia ed è uno degli aspetti più importanti per la sua capacità di suscitare emozioni“. Siamo d’accordissimo con Sabrina di Ti amo Ti sposo che ci fa notare come la musica faccia parte della cerimonia religiosa, e come – se gestita in maniera adeguata – riesca a sottolineare e a conferire “pathos” ai momenti importanti della celebrazione. La musica dal vivo è sicuramente la scelta migliore, un organista, un violino, l’arpa, la chitarra classica o una cantante che canta ‘a cappella’, scegliete la soluzione che più si addice ai vostri desideri, ma non lasciate al caso questo importante dettaglio.

Attenzione però agli spazi. Ci sono chiese ampie ed altre più intime e raccolte, ci fa giustamente notare Stefania Guastini, e in entrambi i casi è utile valutare gli spazi necessari ai musicisti, inutile desiderare un quartetto d’archi se lo spazio non lo consente. “Suggerisco alle mie spose di destinare parte del budget all’intrattenimento musicale, poiché ritengo faccia parte del rito, scandendone i tempi e rendendo tutto molto più emozionante”.

Salvarematrimonio in chiesa
Viscount Organs

9.La scelta del fotografo

Una piccola parentesi va aperta per il fotografo in chiesa. Secondo Sabrina Gambato, la wedding planner milanese che ci è stata molto preziosa nel redigere questa maxi guida, è importantissimo cogliere gli attimi più importanti della cerimonia, ma è fondamentale essere rispettosi e discreti durante la funzione. Del resto, come abbiamo già visto, la scelta del fotografo è uno dei momenti più importanti dell’intera organizzazione, nonché uno degli aspetti su cui è meglio non risparmiare: del resto, affidarsi a un fotografo professionista è una garanzia per chi non vuole lasciare nulla proprio in occasione del suo giorno più bello. Sarebbe l’ideale che il fotografo conoscesse qualche ora prima il parroco, ed avesse cura di evitare di trasformare chiesa e location in un set cinematografico con carrelli e flash diretti. L’elemento chave di un buon professionista sta proprio nella sua capacità di essere attento e onnipresente, ma con il più spiccato tatto. Invisibile ed attento nel cogliere ogni attimo con discrezione.

Considerate anche quanti saranno i fotografi presenti in chiesa: “Impensabile avere un solo fotografo per un matrimonio oltre le 50 persone se si desisera un servizio davvero completo!”, puntualizza Stefania. Sara di Oui Darling Studio Creativo predilige atmosfere raccolte, o luoghi significativi per gli sposi, che verranno valorizzati al meglio da fotografi emozionanti e discreti. NO, invece, a infiniti servizi dopo la cerimonia. “Se volete un servizio di questo tipo, accordatevi per farlo in una data differente dopo le nozze, prenotando una After Session in cui potrete sbizzarrirvi!”. Barbara di Come nei sogni concorda su come le fotografie siano importantissime in ogni matrimonio, eppure il professionista, non può e non deve intralciare il naturale svolgersi della cerimonia.

Salvarematrimonio in chiesa
Chris Ainsworth – Unsplash

10.Pillole di galateo

Concludiamo il decalogo con qualche accorgimento furbo che farà davvero la differenza. Sara di Oui Darling Studio Creativo mette in guardia con dei Dont’s di cui fare tesoro: NO, quindi, ai ritardi spaventosi, ad accompagnamenti musicali invadenti, a smartphone in mano di amici e parenti. “Lasciate alla vostra wedding planner il compito di valorizzare il vostro stile anche nella cerimonia, che saprà, con gusto, sensibilità e discrezione, far sentire coccolati voi e i vostri ospiti già dalla funzione religiosa”. A proposito di smartphone&co, per il servizio di solito viene pagato dagli sposi un fotografo che se ne occupi, quindi scatti aggiuntivi da parte di iPhone selvaggi o amici aspiranti artisti non sono necessari.

“Ho visto zii e cugini intralciare seriamente il lavoro dei professionisti, quindi se possibile sarebbe meglio avvertire con anticipo gli ospiti di non muoversi dai banchi durante la cerimonia e, se proprio non possono resistere alla tentazione dello scatto, di non usare il flash!”, avverte. Ricordate quando parlavamo di come utilizzare i social durante l’organizzazione di un matrimonio? Questi consigli valgono anche e soprattutto durante la cerimonia, quindi attenzione a flash, tag e hashtag! Ed infine, uno dei punti forse più importanti: la sposa si aspetta in chiesa, con gli ospiti seduti e lo sposo sull’altare! “Non sono fissata con le regole perché penso che ognuno debba costruirsi il matrimonio a propria immagine e somiglianza – conclude Valeria – ma insisto su questo punto: non c’è niente di peggio per una sposa che entrare in un chiesa vuota! Senza contare, poi, che i fotografi odiano il caos che si crea quando gli invitati corrono a sedersi mentre la sposa cerca di raggiungere il suo sposo. E’ un momento importante e solenne, che gli ospiti devono rispettare e che gli sposi meritano di vivere nel modo più romantico possibile”.

Salvarematrimonio in chiesa
Nathan Dumlao – Unsplash

E voi, per quale rito opterete? Vi sposerete in chiesa secondo la tradizione, o mediante rituale civile? Diteci la vostra qui sotto e non perdetevi il nostro speciale sul matrimonio simbolico: un vero viaggio tra le culture più lintane in nome dell’Amore!

Seleziona i fornitori che desideri contattare

Nabis Studio Fotografico Fotografia e video
Morlotti Studio Milano Fotografia e video
Sicurella & Co. fotografi Fotografia e video
L&V Photography Fotografia e video
Valeria Ferrari Weddings Wedding planner
Gli Archimisti Musicisti per matrimoni
Slow Picture Studio Fotografia e video
Facibeni Fotografia Fotografia e video
Cappella Musicale Costantina Musicisti per matrimoni
Marianna Lanzilli Abiti sposa su misura
Oui Darling Studio Creativo Wedding planner
Ti amo Ti sposo Weddings Wedding planner
Azeta Studio Fotografico Fotografia e video

Non vuoi perderti le ultime novità per il tuo matrimonio?

Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti (2)

Lascia un commento

Lista di nozze Zankyou. Ricevi il 100% degli importi regalati sul tuo conto corrente.