Pubblicità
Corso prematrimoniale: tutto ciò che c'è da sapere

Corso prematrimoniale: tutto ciò che c'è da sapere

La guida definitiva sull'organizzazione, funzionamento e benefici del corso prematrimoniale, un percorso intimo da fare a due prima del grande passo.

Corso prematrimoniale: tutto ciò che c'è da sapere
  • Prima del matrimonio
  • Chiesa
  • Fidanzamento

Confrontandoci giornalmente con milioni di coppie di sposi e ascoltando le loro preoccupazioni, che nascono soprattutto durante l’organizzazione del matrimonio, che è la fase più burocratica , ci siamo resi conto che sono ancora irrisolte molte domande riguardo il corso prematrimoniale. Abbiamo pensato allora di creare questa guida nella quale vi riassumiamo, punto per punto, tutto ciò che c’è da sapere.

INDICE

    1. In cosa consiste il corso prematrimoniale 
    2. Cosa aspettarsi da un corso prematrimoniale
    3. Corso prematrimoniale quanto dura
    4. Corso prematrimoniale quanto tempo prima
    5. Cosa si fa al corso prematrimoniale
    6. Corso prematrimoniale come funziona 
    7. Corso prematrimoniale dove farlo
    8. FAQ 

1.In cosa consiste il corso prematrimoniale

Se siete una coppia ed avete deciso di sposarvi in Chiesa, il corso prematrimoniale è uno step moralmente obbligatorio prima di arrivare all’altare. La Chiesa ed i sacerdoti hanno istituito questa prassi già da molti anni, con l’obiettivo di preparare gli sposi al sacramento del matrimonio. Il corso prematrimoniale va visto come un cammino spirituale e umano, che gli sposi intraprendono per capire l’importanza del passo che andranno a compiere.

2.Cosa aspettarsi da un corso prematrimoniale

Il sacerdote, lo stesso che celebrerà l’unione della coppia, avrà l’onere di accompagnare i due fidanzati durante questo percorso nel quale saranno chiamati a mettere in discussione e a valorizzare la loro unione, toccando aspetti principali, problematiche ed esigenze che la coppia si troverà ad affrontare durante il cammino.

3.Corso prematrimoniale quanto dura

Non vuoi perderti le ultime novità per il tuo matrimonio?

Iscriviti alla nostra newsletter

Il corso prematrimoniale dura dai sei ai dieci incontri, della durata di una o due ore, una volta a settimana. Il corso infatti si estende in genere su tre mesi, alla fine dei quali viene rilasciato un certificato di frequenza indispensabile per la celebrazione con il rito religioso. Esistono anche corsi intensivi, che si concentrano in un week end. Questa soluzione viene in genere scelta dagli sposi che celebrano il matrimonio in Italia ma che, per motivi di lavoro, risiedono all’estero.

4.Corso prematrimoniale quanto tempo prima

Per assicurarsi di svolgere il corso prematrimoniale in serenità e calma, agli sposi è consigliato recarsi dal parroco almeno un anno prima della data delle nozze, considerando di dover far combaciare date, impegni e agende di tre persone. Si consiglia che, nel momento della scelta della location e della Chiesa, si pensi anche a prenotare il corso prematrimoniale che le Chiese, oramai, organizzano ciclicamente. E’ da sapere che, oltre ad assere un percorso personale e molto intimo dei due coniugi, il corso prematrimoniale prevede incontri con altre coppie di futuri sposi che, sotto la guida del sacerdote, discutono e mettono a confronto le varie esperienze di vita e di fede.

Salvarecorso prematrimoniale
Romain Dancre

5.Cosa si fa al corso prematrimoniale

L’idea generale legata al corso prematrimoniale è quella dell’essere uno step noioso, non interessante e il cui senso spesso sfugge. Bisogna però smentire questo luogo comune perché questo percorso è articolato in varie fasi, diviso in argomenti di discussione più o meno profondi su cui ogni coppia dovrebbe soffermarsi.

L’esegesi

Si comincia con l’esegesi, ovvero con l’interpretazione dei testi biblici, passo fondamentale per capire le letture che verranno proposte dal parroco durante il rito. La profonda comprensione delle letture avvicina i futuri sposi alla religione e permette loro di vivere in maniera più presente la celebrazione del sacramento.

L’incontro con lo psicologo

Lo step successivo è l‘incontro delle coppie con lo psicologo, spesso uno degli incontri più attesi ed interessanti perché aiuta le coppie a ripercorrere tutte le tappe del rapporto e rinforzare le basi per il futuro. L’obiettivo del percorso intrapsichico infatti è quello di rassicurare le coppie e di aiutarle nella comprensione di quelle che saranno le difficoltà alle quali andranno incontro nel binomio “marito-moglie”.

Diritti e doveri

C’è inoltre l’incontro nel quale si parla di diritti e doveri e i coniugi vengono informati sulle regole morali e comportamentali, che verranno enunciate poi durante il rito, che sono tenuti a rispettare stando insieme. Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri, dal matrimonio deriva l’obbligo reciproco alla fedeltà, all’assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell’interesse della famiglia e alla coabitazione. Entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo, a contribuire ai bisogni della famiglia. Durante questo incontro si parla inoltre dei pro e contro dei regimi di comunione o separazione dei beni perché i coniugi possano scegliere serenamente e liberamente.

L’incontro con il sessuologo

Uno degli ultimi incontri, non meno importante è quello con il ginecologo ed il sessuologo, figure fondamentali per la coppia per la comprensione della proiezione che hanno del loro futuro insieme. Durante questo incontro si dibatte sui temi della contraccezione, adozione, fecondazione, insomma tutte problematiche molto sensibili legate alla sfera riproduttiva e della creazione del nucleo familiare.

L’incontro con il pediatra

E a seguito del precedente incontro ci si dedica poi ad un confronto con un pediatra, per educare ed educarsi rispetto all’idea di accogliere nuovi membri nella famiglia, i figli. Evoluzione per la coppia tanto naturale quanto a volte problematica, e che per questo merita attenzione e lucidità nella scelta.

6.Corso prematrimoniale come funziona

L’organizzazione del corso prematrimoniale spetta al parroco, che oltre ad adattarsi alle esigenze delle varie comunità religiose, deve rispettare tre principali e fondamentali regole della Chiesa: la teologia, la psicologia e la morale.

7.Corso prematrimoniale dove farlo

Il corso prematrimoniale può essere seguito dai due fidanzati nella parrocchia di residenza di uno dei due oppure in un’altra parrocchia a scelta a cui ci si senta legati per motivi personali.

 

Salvarecorso prematrimoniale
Joseph Pearson

8.FAQ

Quanto tempo vale il certificato del corso prematrimoniale?

Una volta ottenuto, alla fine del percorso, l’attestato di partecipazione al corso prematrimoniale dura in genere due anni.

È obbligatorio?

Si dice che il corso prematrimoniale sia solo moralmente obbligatorio. Che succede però, l’attestato che viene consegnato a fine partecipazione fa da nulla osta per il matrimonio e potrà essere utile anche in caso di annullamento delle sacramento alla Sacra Rota. Si tratta di un documento che, come abbiamo visto, viene essere consegnato insieme al resto della documentazione e che quindi è consigliato avere.

E se viviamo in città diverse?

Questione che si pone spesso e che abbiamo brevemente enunciato nel paragrafo precedente. Quando persone per motivi lavorativi si trovano a diversi km di distanza rispetto alla parrocchia, il prete può invitare la parte libera da impedimenti a frequentare il corso e la parte impossibilitata a sottoscrivere una promessa con cui si impegna a frequentare un cammino di preparazione alle nozze, appena libero. In casi eccezionali, il parroco può organizzare una sessione straordinaria e personalizzata, rivolta esclusivamente alla coppia che ha avuto difficoltà, fissandola nei giorni prima delle nozze.

Se abbiamo deciso di sposarci di fretta e non abbiamo tempo?

Quando non è possibile un incontro a settimana, quando il tempo a disposizione non può in alcun modo essere organizzato o quando semplicemente non si ha tempo, è possibile chiedere al sacerdote una vera e propria full immersion, uno o più giorni quindi da trascorrere insieme e intraprendere questo cammino in una sola volta soltanto. Si può quindi frequentare un corso prematrimoniale full immersion o intensivo passato insieme ad altre coppie spesso limitato alla durata di un solo fine settimana.

Bisogna pagare?

Il corso prematrimoniale non ha un costo così come l’attestato che viene rilasciato. Spesso si entra in confusione sull’argomento perché è tradizione che gli sposi facciano un’offerta di loro spontanea volontà o il parroco stesso la chieda.

Corso prematrimoniale online

Il corso on line sarebbe molto utile per le future coppie che per vari motivi non possono frequentare le lezioni tradizionali, ma ad oggi ci sono ancora diverse resistenze nella diffusione di un corso telematico. Oltre alla difficoltà nel trovarlo, molti parroci non validano gli attestati rilasciati da questa tipologia di corso, quindi prima di avventurarsi nella ricerca, sarebbe opportuno informarsi nella propria parrocchia sulla validità dell’attestato rilasciato e sui documenti necessari per sposarsi in chiesa.

Salvarecorso prematrimoniale
Helena Hertz

Dopo i nostri consigli e le nostre informazioni, ci piace l’idea di lasciarvi con questa immagine, una cartolina bianca sulla quale voi sposi comincerete o continuerete a scriverete la vostra storia.