IT Login
IT

10 consigli per intrattenere i bambini durante un matrimonio secondo le mamme più influenti della blogosfera

Nabis Studio FotograficoScopri di più su “Nabis Studio Fotografico”
Nabis Studio Fotografico

Ti sposi tra poco e probabilmente non hai ancora dimestichezza con i bambini e i loro bisogni che, però, dovresti tenere in considerazione come quelle di tutti gli altri, se figli di parenti e amici, nipotini e cuginetti sono inclusi nella lista degli invitati. Oppure il vostro bambino vi accompagnerà nel giorno del sì e sai già che a un certo punto (probabilmente molto presto) si stuferà di vestire i panni del paggetto o della damigellina e tu, vestita da sposa, dovrai iniziare a correre dietro alla piccola peste.

Pensare ai bambini e a cosa faranno è un aspetto da non sottovalutare nell’organizzazione del tuo matrimonio: il rischio è di vederli annoiati oppure di perderli mentre corrono in giro, mettendo a rischio se stessi, i camerieri carichi di piatti e bicchieri e i nervi di mamma e papà.

Marco Fantauzzo PhotographerScopri di più su “Marco Fantauzzo Photographer”
Marco Fantauzzo Photographer

Che ti affidi a una wedding planner professionista o decida per il DIY, quando ci sono i bambini, tutto deve essere pensato a loro misura. Ecco perchè abbiamo chiesto a mamme blogger, organizzatrici di eventi per bambini e animatrici per feste di consigliarti come gestire i bimbi da 0 a 10 anni invitati al tuo matrimonio (i più grandicelli sono inclini a trovare da soli qualcosa da fare, ma alcuni consigli saranno utili anche per loro!).

Seguili e il successo sarà assicurato: loro saranno “occupati” e felici, mamme e nonne (ma anche papà, fratelli maggiori e zii…) saranno liberi di godersi la festa, e l’atmosfera del giorno più bello della tua vita sarà perfetta, gioiosa, colorata… una vera festa per tutti! Perché il giorno delle nozze deve essere speciale per gli sposi ma anche per gli invitati, grandi e… piccoli!

  • 1. Coinvolgimento prima di tutto

Morlotti StudioScopri di più su “Morlotti Studio”
Morlotti Studio

I bambini vogliono essere sempre al centro dell’attenzione. Elena, party planner e inventrice di giorni speciali per piccoli e grandi bambini con il suo The Funky Party Mama, sa come coinvolgerli (e tenerli impegnati): “un piccolo laboratorio teatrale li farà diventare protagonisti di una recita in onore degli sposi, oppure si possono prevedere macchine fotografiche usa e getta per avere scatti memorabili ad altezza bambino”. Il tema delle fotografia ritorna spesso nei consigli delle nostre esperte. Cristina Interliggi, founder di Networkmamas, il portale che aiuta le mamme a realizzarsi lavorativamente attraverso consulenze professionali a distanza, racconta che una volta le è capitato di avere a che fare con una bimba troppo timida per accodarsi a sconosciuti: “Mi è venuta in soccorso una macchina fotografica digitale. Le ho suggerito un tema e l’ho sguinzagliata. Unica regola: la macchina fotografica doveva essere tenuta a circa 20 cm da terra. Alla fine non ci sono state solo scarpe, ma scorci inusuali che abbiamo fatto stampare per regalare un originale album fotografico agli sposi”.

Simone AddisScopri di più su “Simone Addis”
Simone Addis

Anche Sabina Maffei Plozner di zigzagmom, il blog per mamme cool e bimbi smart, è convinta che coinvolgerli sia il modo migliore “per evitare che giochino a nascondino sotto il tavolo della torta nuziale o continuino a lanciare riso durante tutta la festa, facendo rimpiangere ai genitori di non averli lasciati a casa con la baby sitter! Se i bambini sono pochi si può dare loro un ruolo: paggi, aiutanti della sposa, distributori di conetti con il riso o di confetti, realizzatori di bolle di sapone…”. Un’idea originale? Le ragazze di Civico30, un blog nato come luogo di incontro per i 30enni di oggi, di ieri e di domani, in cui si cercano e si trovano spunti e idee per “arrangiarsi con stile”, suggeriscono di prevedere tante postazioni con diverse attività: “l’hula hoop, le costruzioni lego e il pongo, un angolo dedicato ai travestimenti e uno più tranquillo con alcuni giochi da tavolo. Così anche genitori e invitati possono interagire e divertirsi con i piccoli invitati! Se si opta per un animatore, un’idea divertente potrebbe essere una caccia al tesoro che sul finire coinvolga anche gli sposi: saranno loro a custodire la chiave che condurrà al tesoro!”.

  • 2. Occhio al menù

Simone AddisScopri di più su “Simone Addis”
Simone Addis

Su questo aspetto abbiamo quasi raggiunto l’unanimità: la maggior parte delle intervistate suggerisce di concordare con il ristorante o il catering un menù più semplice di quello per gli adulti, con meno portate e meno elaborato (e magari anche meno costoso!). Anche se il pranzo pantagruelico e infinito non è più “cool”, “il pasto potrebbero dilungarsi troppo per i tempi di resistenza dei bambini. – racconta Lauramanda di Civico30 Senza dover ricorrere a pollo e patatine, basterà semplificare e riadattare il menù originale”. Anche Sabina consiglia di puntare su semplicità e velocità, ma anche di aggiungere un’idea divertente come “un piccolo aperitivo, magari con frullati, e una grande tovaglia di carta che i bambini potranno decorare per donarla agli sposi”. Daniela Mosca, che con il suo Dani&Colf organizza corsi di formazione a domicilio per mamme, tate e colf, invece, pensa al dolce, che dovrebbe essere servito prima rispetto agli altri invitati, senza costringere i bambini “ad aspettare per ore la famigerata torta nuziale”.

  •  3. La tavola a misura di bambino

Enzo Borzacchiello fotografoScopri di più su “Enzo Borzacchiello fotografo”
Enzo Borzacchiello fotografo

Sicuramente stai dedicando molta attenzione alla decorazione nuziale… e allora ricordati che se li vuoi tenere seduti tranquilli almeno per la durata del pasto, anche la tavola per i bambini (che sia un tavolo separato o un posto a quello dei genitori) deve essere molto attraente e che i bambini hanno criteri di valutazione diversi rispetto a quelli degli adulti… Allora, via libera a decorazioni colorate, in tono con lo stile del matrimonio ma pensate apposta per i piccoli, magari con un piccolo gadget/segnaposto per ognuno di loro e con piatti, posate e bicchieri di plastica colorata. Anche su questo tema la Funky Party Mama ha elargito un saggio un consiglio: “una wedding bag 4 kids con matite colorate, taccuino, piccoli giochi di abilità, animaletti in miniatura, che li saprà incuriosire e coinvolgere tra una portata e l’altra”. Qualche ispirazione? Qui una board di Pinterest tutta dedicata a questo tema! E Micaela, responsabile editoriale di Le Nuove Mamme on the road Roma e blogger di Le M Cronache, è d’accordo: “far mettere come segnaposto dove si siedono i bimbi piccoli giochi, pastelli, magari una sorpresa da scoprire durante il pranzo è un gesto originale, oltre che gradito”.

  •  4. Scegliere una location “bimbo friendly”

Daniele Corti PhotographyScopri di più su “Daniele Corti Photography”
Daniele Corti Photography

Se sai che ci saranno tanti bambini o se i bambini sono i vostri figli e vuoi che vivano appieno questo giorno speciale, la scelta della location è cruciale. Secondo Dani&Colf sono ideali “spazi all’aperto attrezzati e sorvegliati dove possano giocare e magari avere l’opportunità di scoprire qualcosa di nuovo, come animali, sculture, macchine, carrozze…e qualunque cosa che sia correlata al luogo e che possa stimolare la loro fantasia”. Anche Silvana di Una mamma green è d’accordo e da brava amante della natura dichiara di trovare “indispensabile la presenza di spazi aperti a misura di bambino. Un prato, qualche albero, magari una piccolo stagno o una bella vasca piena di pesci. Strutture con aree gioco e giostrine per i più piccini, poi, sono un’ottima trovata!”. Micaela aggiunge che “pensando ai bambini e al loro senso della scoperta e dell’avventura, se il posto fosse privo di pericoli (tipo aperitivo bordo piscina…) e di ninnoli facilmente infrangibili sarebbe il top”.

Claudia Calà Photography

Addirittura, Valentina Piccini di Mamme a spillo, fashion blog per mamme e bambini, ha pensato, d’accordo con il marito, di organizzare tutta la cerimonia – decisamente non convenzionale, visto che è stato il primo social wedding su instagram! – a  misura di bambino, per soddisfare le esigenze dei loro cinque figli piccoli: un pic nic sull’erba anzichè il solito pranzo, invitati in jeans, tutti senza scarpe. I bimbi invitati hanno giocato liberamente sul prato tra loro mentre gli inviatati mangiavano sereni. Se anche tu hai figli piccoli, potresti pensare di seguire il loro esempio!

  • 5. Via libera all’intrattenimento organizzato

Qualcosa di Blu - wedding photographyScopri di più su “Qualcosa di Blu - wedding photography”
Qualcosa di Blu – wedding photography

Un intrattenimento durante pranzi e cene è sicuramente utile per i genitori. Il servizio di baby sitting più originale che io abbia mai visto – racconta la Mamma Imperfettaera inserito in un matrimonio altrettanto originale. Cena alle terme e poi trattamenti, massaggi e bagni per tutti. Cenare in accappatoio non ha prezzo. E i bambini? Costumino, ciabatte e piscina dedicata, con scivoli e giochi in acqua. Li abbiamo lasciati alle 21 e li abbiamo rivisti alle 2 del mattino”. Cecilia Milani, animatrice e organizzatrice di eventi per bambini, ci tiene a sottolineare che la proposta di animazione e intrattenimento professionale deve essere adeguata sì allo stile del ricevimento, ma soprattutto al numero e alle età dei piccoli ospiti, senza tralasciare il fatto che l’animatore professionista deve conoscere i tempi e gli spazi a disposizione nella location. “Il momento al tavolo potrebbe essere accompagnato da giochini divertenti stando seduti. Una volta finito di mangiare si va subito a giocare. L’ideale è avere un luogo a parte dove posizionarsi con tutto il materiale. Si può anche pensare ad un angolo morbido a misura di piccolissimi (0/3 anni). Poi truccabimbi, palloncini, qualche ballo, le bolle giganti…”. Che a quanto pare sono le cose che vanno per la maggiore! Ma cosa è meglio scegliere? Animatori o tate/babysitter? Cristina di Mommy in love, quando si è sposata aveva sulla lista degli invitati molti bambini di diverse età: “allora ho pensato fosse bello fare un regalo ai genitori, ingaggiare una tata che li intrattenesse durante la festa! Mi sono appoggiata ad un’agenzia specializzata della mia città, Parma, per dare un servizio accurato”.

Franco Raineri fotografoScopri di più su “Franco Raineri fotografo”
Franco Raineri fotografo

Con la presenza di una tata qualificata i genitori possono sentirsi più sicuri dal momento che i loro bambini sono affidati a una professionista. Dani&Colf, ne sa qualcosa, visto che l’anno scorso si è occupata di selezionare e fornire le tate per un matrimonio molto chic, a Milano. La cerimonia era prevista per il pomeriggio e il ricevimento sarebbe andato avanti fino a tarda sera, quindi era stato dedicato tutto un piano della location per i bambini. “Per loro era stato pensato tutto appositamente – ci racconta – i tempi scanditi in base agli orari migliori per loro, il mago delle bolle per uno spettacolo divertente e tranquillo (per evitare giochi scalmanati e pericolosi), una sala cinema per guardare un film tutti insieme e un gruppo di tate, angeli custodi per ogni esigenza: dalla voglia di vedere cosa fanno mamma e papà, ai bisognini in bagno, dalla pappa per i più piccoli, fino alla nanna. È stato un gran successo per tutti, mamme e bambini e la presenza delle tate, oltre all’animazione, ha sicuramente fatto la differenza!”.

  • 6. Informazioni precise ai genitori

Paolo CastagnediScopri di più su “Paolo Castagnedi”
Paolo Castagnedi

Paola, blogger di Mondobaobab, ci ha fatto riflettere su un particolare davvero importante: dovresti avere l’accortezza di dare informazioni precise ai genitori dei bimbi che parteciperanno a cerimonia e ricevimento, in modo che abbiano tempo per prepararsi, ma soprattutto per prepararli! “Il repertorio per tenerli tranquilli durante un matrimonio prevede almeno quindici giorni di preparazione psicologica sull’evento, sul cosa succederà, sul come comportarsi, soprattutto in Chiesa, o sul luogo dell’evento, che guadagna un sacco di punti se è all’aperto, con giardino e informale. Altri punti se sono previsti molti bambini. Un bonus infinito se è prevista l’animazione. Una volta ci è capitato che l’animazione ha previsto anche un luogo nanna per i più piccoli, con fiabe raccontate e materassini per riposarsi mentre i grandi nel giardino continuavano la baldoria”.

Nadia Di Falco PhotographerScopri di più su “Nadia Di Falco Photographer”
Nadia Di Falco Photographer

Soprattutto se non è prevista animazione, i genitori, se opportunamente informati, potranno portare i giochi preferiti dei bambini, libri, fogli, colori, caricheranno per bene la batteria del tablet per una sana dose di cartoni animati, si prepareranno canzoncine e filastrocche e si armeranno di tanta pazienza e di scarpe con tacco basso, perché, assicura Irene, blogger di Lavoro da mamme, “inseguire un nanetto di 90 cm con un tacco 12…anche no!”. Della stessa idea Gina Barilla (sarà il suo vero nome?), che, pur ammettendo che “vestito elegante, tacchi vertiginosi, cerimonie, pranzi infiniti e bimbi alti meno di un metro non possono convivere serenamente”, in mancanza di nonni, baby sitter e amici, affronta questa giornata solo grazie alla sua “borsa magica”: “che va preparata con un pochino di anticipo e contiene sia cose che abbiamo già a casa che un paio di cose nuove, in modo che ci sia anche il tempo dell’esplorazione e della scoperta: bolle di sapone e didò, fogli e matite colorate, una paio di librini da leggere, i giochi preferiti”.

  • 7. A ogni età la sua attività

Paolo CastagnediScopri di più su “Paolo Castagnedi”
Paolo Castagnedi

Quando la intervistiamo, Elena mamma creativa che gestisce un blog con tante idee per lavoretti di artigianato e consigli per le feste e lo shop online di biglietti di auguri Sono al mondo, ci tiene subito a sottolineare che è importante suddividere i tipi di servizi/intrattenimento in base alle età: “per i bambini sotto i due anni l’animazione non è richiesta, sono troppo piccoli ed è difficile che si stacchino i genitori, ma magari può essere utile raggruppare le famiglie con bambini piccoli della stessa età (è difficile che chi ha bambini piccoli riesca a conversare a lungo con la coppia di amici senza figli e giramondo appena tornata dall’ultimo viaggio tropicale!). Quando i bambini sono un po’ più grandicelli si può pensare a una tavolata a parte, magari con un’animatrice o una persona di fiducia seduta al tavolo con loro che li aiuti con il cibo e con i giochi”. Questo argomento in realtà è controverso: Irene, che nel suo blog Lavoro da mamme racconta che fare la mamma è il lavoro più fantasticoso (fantastico&faticoso) del mondo, ci racconta, infatti, della sua esperienza all’ultimo matrimonio a cui è stata inviata. Gli sposi avevano pensato di preparare, per tutti i bambini tra i 6 e i 12 anni, un tavolo dedicato…peccato che nessuno dei bambini abbia voluto sedersi! “Credo che un’idea di questo tipo possa funzionare solo in presenza di un gruppo di bambini che già si conoscono. Se no, meglio che ognuno mangi insieme ai genitori, prevedendo momenti di animazione ad hoc (magari nei momenti tra una portata e l’altra)”.

Studiobonon PhotographyScopri di più su “Studiobonon Photography”
Studiobonon Photography

Per i bimbi fino ai 3 anni Irene consiglia uno spettacolo con un animatore che crea sculture coi palloncini e si augura “una location con qualche gioco (scivolo, altalena) in modo da poter far divertire il bimbo, evitando che si metta a correre da una parte all’altra della sala del banchetto!”, mentre per i più grandini, (dai 3/4 anni in su) “la presenza di un animatore per attività tipo truccabimbi, un piccolo spettacolo di magia o giocoleria può permettere ai genitori di tirare un po’ il fiato”. Per i bimbi più grandi (6-10 anni)? “Qualche tempo fa sono stata a un matrimonio dove gli animatori avevano pensato a una grande caccia al tesoro: era un percorso a tappe, in cui i bimbi dovevano coinvolgere in alcune occasioni anche gli sposi per recuperare indizi…ho visto che si sono tutti molto divertiti!”. In ogni caso, “se c’è una grande differenza di età tra i bambini presenti – ci consiglia Emme, del blog Moms about townsarebbe ideale prendere persone diverse che intrattengano i più piccoli e i più grandi con attività adatte alle età degli uni e degli altri, altrimenti il rischio è che si annoino e tornino al tavolo dei genitori”.

  • 8. L’eleganza non è tutto

Nabis Studio FotograficoScopri di più su “Nabis Studio Fotografico”
Nabis Studio Fotografico

Micaela, ci svela un segreto a cui la sposa, intenta a scegliere pizzi e merletti per il proprio abito da sposa, potrebbe non aver pensato. “Spesso i bimbi sanno intrattenersi anche da soli se ci sono gli spazi: all’aperto, ad esempio, si può portare un pallone e via, il divertimento è assicurato. Ovviamente, il cambio d’abito è d’obbligo: non possiamo pretendere che tulle, pizzi e papillon possano rimanere del tutto intatti ruzzolandosi sull’erba!”. Uno spazio “cambio d’abito” potrebbe essere utile, quindi. Se la location non ha un ambiente tranquillo che possa fare al caso, magari puoi pensare, insieme al responsabile o alla tua wedding planner, di adibire un angolo di una stanza a “camerino”. Un’attenzione in più per i piccolissimi? Sabina di zigzagmom suggerisce un angolo cambio con le salviette, la possibilità di scaldare facilmente un biberon e una zona piena di cuscini dove farli trottare o fare la nanna in tranquillità!

  • 9. E se li lasciassimo a casa?

Scopri di più su “”

C’è chi, come la mitica Elasti di nonsolomamma, crede fermamente che “per il bene loro, dei genitori, ancor più che degli sposi, i bambini andrebbero tenuti lontani dai matrimoni, che tendenzialmente sono una noia mortale per loro e dovrebbero essere un momento di evasione e festa per gli adulti”, anche se ovviamente è consapevole che a volte lasciarli a casa è complicato. Ma non è l’unica! Lucrezia Sarnari di  C’era una vodka, ci racconta che per ora, se può, quando è invitata a un matrimonio cerca il modo di lasciare a casa il suo bimbo di 20 mesi, perché “cerimonia e ricevimento siano situazioni non adattissime a un bambino piccolo che finirebbe per annoiarsi, innervosirsi e rovinare la festa anche a noi”.

Scatti d'amoreScopri di più su “Scatti d'amore”
Scatti d’amore

Anche le Instamamme, la prima community italiana di mamme nata su Instagram, abbracciano la stessa filosofia e sono dell’idea che i bambini vadano lasciati a casa se e quando si può: “le cerimonie e le lunghe attese non fanno per loro, mentre l’invito a un matrimonio può diventare per i genitori anche una bella occasione per passare una giornata tra adulti e staccare la spina, senza pensare per qualche ora alla prole!”.

Certo è che non puoi consigliare ai tuoi invitati di lasciare a casa la prole, ma di sicuro per te è importante sapere se i bambini verranno “trascinati” o no, in modo da poter organizzarti di conseguenza: se nessuno porta i piccoli, non ha senso organizzare l’animazione, mentre se vengono e sono tanti, lo abbiamo capito, è pressoché indispensabile!

  • 10. Le bomboniere giuste per i bambini

Facilissimo. Caramelle. Lecca-lecca e simili. Figurine o stickers. Qualche piccolo gioco. In ogni caso, come suggeriscono “quelle del civico30” e la “zigzag mom”, la bomboniera personalizzata è un tocco perfetto per chiudere in bellezza e lasciare un bel ricordo della giornata anche ai più piccoli!

***

Se questo maxi decalogo ti è parso utile non perderti le 20 cose che tutte le spose dimenticano durante l’organizzazione: molte hanno proprio a che vedere con la lista degli ospiti, grandi e piccini, che peraltro potrai gestire in modo comodo e gratuito grazie al sito web per le tue nozze che Zankyou ti permette di creare.

Oltre ad essere la rivista online dedicata al wedding più seguita ed una directory di fornitori di nozze molto completa, infatti, siamo anche il servizio di lista nozze online più utilizzato d’Europa: che aspetti ad accedere alla home page e creare gratuitamente il tuo account? Per qualsiasi cosa ci trovi qui!

Aziende che ti possono interessare

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Maggiori informazioni

Lascia un commento

Crea un fantastico sito web gratuito per il tuo matrimonio in soli due click

100% personalizzabile con centinaia di grafiche tra cui scegliere Vedere altre grafiche >

Lavori nel settore matrimoni?
Se hai un'azienda o sei un professionista del settore wedding, Zankyou ti dà l'opportunità di far conoscere la tua attività a migliaia di coppie che scelgono noi per organizzare il loro matrimonio in più di 19 Paesi Maggiori informazioni