Anello fidanzamento: tutti i segreti per scegliere quello perfetto!

Dalle 4C alla scelta della gemma e della montatura perfetta, scoprite come scegliere il migliore anello di fidanzamento per la vostra futura sposa.

Anello fidanzamento: tutti i segreti per scegliere quello perfetto!
Esther Tuttle | Unsplash
  • Proposta
  • Zk Events

Diciamo la verità, l’anello di fidanzamento è il simbolo di uno dei momenti più emozionanti per la coppia, e più attesi da noi donne, la proposta di matrimonio. Quando una coppia si ama, ha trascorso già parte della vita insieme e l’aria sa di matrimonio, ricevere l’anello di fidanzamento è uno dei primi passi verso l’ufficializzazione del sentimento puro che vi lega. È un momento carico di complicità, di emozione e va preparato e vissuto nel migliore dei modi. Sicuramente saprete come sorprendere la vostra amata, in quale posto portarla per farla rimanere a bocca aperta davanti a quel cofanetto quadrato e che gioiello scegliere, ma noi di Zankyou abbiamo voluto scrivere per voi questa guida nella speranza che troviate delle informazioni utili.

INDICE

  1. Fissate un budget
  2. Meglio comprare l’anello montato o comprare la pietra separatamente?
  3. Come scegliere la pietra: la regola delle 4c
  4. Fatevi accompagnare da qualcuno
  5. Scegliete un fornitore di fiducia
  6. Considerate sempre i gusti del partner
  7. Quale anello scegliere per proposta di matrimonio: tipi di anelli di fidanzamento
  8. Anello proposta matrimonio quanto spendere
  9. E l’anello della nonna? Perchè no!
Salvareanello fidanzamento
Kimi Albertson | Unsplash

1.Fissate un budget

Vi sarà capitato di leggere su vari blog che il costo dell’anello di fidanzamento si stima essere intorno a due mensilità dello stipendio di lui. Definizione abbastanza approssimativa a nostro gusto in quanto nella scelta dell’anello ci sono così tante variabili da considerare che non ci sembra il caso di dover mettere dei paletti, dei limiti o imporre delle regole. Come ricordiamo sempre, è l’amore ciò che vi sta unendo, non un anello, né un contratto firmato da entrambe le parti, ed in virtù di questo la somma destinata a questo gioiello deve essere, a nostro avviso, proporzionata al vostro stile di vita e ai vostri gusti. Abbiamo incluso questo paragrafo nell’articolo semplicemente per consigliarvi di essere pronti nel momento in cui andrete dal gioielliere per scegliere in assoluta serenità rispetto al budget che avrete deciso di destinare a questo gioiello.

Salvareanello fidanzamento
Jess Harper | Unsplash

2.Meglio comprare l’anello montato o comprare la pietra separatamente?

Rispetto a questa domanda ci sono varie scuole e tutto dipende dall’approccio che si vuole seguire al momento della scelta. C’è chi comodamente preferisce di recarsi in gioielleria, affidarsi ad un esperto, lasciarsi consigliare e scegliere un gioiello tra le opzioni già disponibili in negozio, e c’è chi, invece, preferisce personalizzare e creare il gioiello in questione a proprio gusto, da zero. Nel secondo caso i gioiellieri presenteranno il catalogo delle pietre disponibili senza montatura e successivamente si sceglierà la fedina. Il vantaggio di vedere la pietra nuda è che si può scegliere liberamente la dimensione ed il colore della gemma. Una volta trovata la pietra o il diamante che ruberà il cuore dell’amata, si può scegliere il supporto su cui incastonarla. Potrete scegliere un semplice solitario, o potrete aggiungere una lavorazione filigranata, o delle pietre a contorno della gemma principale, potrete far montare la pietra in oro giallo, bianco, rosso, in platino o anche in titanio.

Salvareanello fidanzamento
L’angolo d’oro

3.Come scegliere la pietra: la regola delle 4C

Nel caso in cui la scelta della pietra ricada sul diamante, avrete sicuramente sentito parlare della regola delle 4C per determinarne il suo valore. Ebbene il diamante, pietra per eccellenza va studiata per bene e scelta tenendo in considerazione dei parametri ben precisi tra cui il taglio, colore, purezza e carati. Sono a parlarne ci viene voglia di averne uno, allora leggiamo attentamente cosa sono queste 4C.

3.1. Cut/forma

Salvareanello fidanzamento
Foto via www.argyor.us

Il taglio del diamante è l’unica caratteristica che viene impressa da chi lo lavora e non dalla natura. È indispensabile per far risaltare la lucentezza della pietra, tutto dipende quindi dalla capacità dell’artigiano che deve scegliere le proporzioni più adatte a riflettere meglio la luce. Le forme più di moda sono quella a brillante e a principessa: il primo è perfetto per i solitari, dove anche la montatura è pensata per mettere in risalto la pietra; mentre quello a principessa ben si sposa con lo stile pavé nel quale i diamanti sono uno di fianco all’altro a semicerchio

Salvareanello fidanzamento
Hao Zhang | Unsplash

3.2. Color/colore

Salvareanello fidanzamento
Foto via www.argyor.us

Il colore del diamante è in indicatore della sua purezza: più bianco è, più luminosa sarà la pietra, aumentandone il valore. La scala di bianco va da D a Z, dove D è il più chiaro in assoluto.

Salvareanello fidanzamento
Edgar Soto | Unsplash

3.3. Clarity/purezza

Salvareanello fidanzamento
Foto via www.argyor.us

I diamanti naturali sono il risultato dell’esposizione del carbonio ad altissime temperature in profondità; in questo processo di formazione si determinano quindi alcune caratteristiche interne (inclusioni) ed esterne (macchie). La purezza del diamante si valuta sulla base di queste caratteristiche, determinandone numero, posizione e rilievo nonché l’influenza sulla pietra.

Salvareanello fidanzamento
Sabrinna Ringquist | Unsplash

3.4. Carat/carati (peso)

Salvareanello fidanzamento
Foto via www.argyor.us

Il peso dei diamanti si misura in ‘Carati’ (ct) e non è da intendersi come dimensione della pietra. La parola ‘carato’ deriva dal nome del seme del carrubo, unità di misura originale dei commercianti di diamanti. Oggi un carato equivale e 0,20 grammi.  I diamanti molto grandi sono rari, ecco perché il loro prezzo aumenta in modo non proporzionale: si possono trovare diamanti grandi 3 volte più della media che costano 10 volte in più degli altri. Solo 1 pietra grezza su un milione di quelle estratte è abbastanza grande per fare un diamante da 1 carato.

Salvareanello fidanzamento
Carlos Esteves | Unsplash

4.Fatevi accompagnare da qualcuno

Sappiamo che gli uomini si difendono bene tra gli espositori delle gioiellerie e che la maggior parte hanno gusti molto raffinati ed eleganti, ma pensiamo altresì che per la scelta dell’anello di fidanzamento, essendo questa un’occasione molto importante, spossa essere interessante essere accompagnati da qualcuno. Presi dall’emozione o per il semplice piacere di condividere questo momento con un caro, potete chiedere a qualcuno di molto vicino alla futura sposa di recarsi dal gioielliere con voi. Una sorella, una madre o una migliora amica potrebbero essere le candidate più adatte!

5.Scegliete un fornitore di fiducia

Per quanto riguarda la scelta del gioielliere, se nel vostro network conoscete già un gioielliere o un incastonatore il gioco è fatto. Altrimenti potete consultarvi con i vostri amici, parenti, familiari e valutare se tra le loro conoscenze c’è un professionista di fiducia. Questo è un consiglio che ci sentiamo di dare perché possiate beneficiare del supporto in fase di acquisto e di post vendita (in caso di problemi) ma qualora non abbiate conoscenze siamo abbastanza fiduciosi che tra i professionisti di questo settore ci sia massima serietà. Già da qualche anno sono nate gioiellerie moderne e smart che hanno impostato il loro modello di business 100% online e i feedback dei clienti sono assolutamente positivi. Insomma, a voi la scelta di come essere accompagnati e attraverso quale canale.

Eros Comin propone una vasta possibilità di scelta per l’anello di fidanzamento: è infatti possibile scegliere la montatura ideale e la pietra migliore che rispecchi il budget di acquisto. Infatti il costo dell’anello dipende fondamentalmente dal costo della pietra che si desidera incastonare. Nel laboratorio orafo è possibile dunque comporre l’anello da realizzare su misura, scegliendo una montatura originale, unica poiché viene realizzata a mano e che rispecchi i gusti e le caratteristiche di chi la indosserà. La montatura può essere lucida o lavorata, piatta o bombata oppure con o senza griff.

Per quanto riguarda la pietra, questa viene scelta solitamente in base al budget, mantenendo però gli standard qualitativi medio-alti, ovvero un colore generalmente compreso tra E e G ed una purezza  VVS o VS. Tutti i diamanti sono scelti e dotati di certificato internazionale di garanzia IGI o GIA, che garantiscono e certificano la pietra. E’ possibile incidere a laser  la pietra stessa con il numero di certificato.

Nell’acquisto dell’anello la fiducia è una delle caratteristiche essenziali per la scelta del gioielliere.

Salvareanello fidanzamento
Nick Karvounis | Unsplash

6.Considerate sempre i gusti del partner 

Così come quando si sceglie un regalo, ricordate che per la scelta dell’anello di fidanzamento dovrete considerate i gusti della vostra futura sposa, non quelli dettati dalla moda, dagli altri o dal venditore! Si tende a dimenticarlo perché entrando in una gioielleria si può perdere l’orientamento a causa della quantità e della selezione di gioielli ai quali si viene esposti, ma è un concetto da tenere ben in mente. Per arrivare preparati a questo momento basta semplicemente dare un’occhiata ai gioielli che la futura sposa indossa quotidianamente. Se è un’amante dell’argento potrete orientarvi sull’oro bianco o sul platino, mentre se i suoi gioielli sono più classicheggianti, optate per l’oro giallo. È una fashionista e inguaribile romantica? Oro rosa senza dubbio. Considerate inoltre i gusti della futura sposa per la scelta della struttura e della pietra. Se al vostro fianco avete una ragazza acqua e sapone e minimal, sarà più consono orientarvi verso un solitario delicato, mentre se l’esuberanza non le fa spavento, potete osare per una montatura particolare, forme non tradizionali e gemme brillanti che fanno il giro dell’anulare!

Salvareanello fidanzamento
Tiffany
Salvareanello fidanzamento
Tiffany
Salvareanello fidanzamento
Tiffany

7.Quale anello scegliere per proposta di matrimonio: tipi di anelli di fidanzamento

Il modello dell’anello di fidanzamento è la risultanza della scelta della montatura e della gemma. La montatura indica il modo in cui le gemme sono incastonate oppure montate su una fedina di metallo. Il compito della montatura è di far risaltare la bellezza e la luminosità della pietra. Nel 1886 la maison Tiffany fissò lo stardand di riferimento, che conosciamo oggi, del modello di anello caratterizzato da un diamante incastonato su una montatura a sei griffe. Ed è proprio dalla loro sapienza che vi proponiamo la classificazione degli anelli di fidanzamento di più alto livello nel settore. Ecco a voi i modelli secondo la posizione delle pietre e il tipo di montatura.

  • Solitario: come lo indica la parola il solitario indica un anello sul quale viene montata un’unica meravigliosa pietra, in genere un diamante. È uno degli anelli iconici e più venduti ancora oggi per la proposta di matrimonio
  • Halo: la montatura Halo è caratterizzata da una brillante pietra centrale circondata da un cerchio di diamanti più piccoli sui laterali. Anch’esso un modello molto richiesto, rievoca gli anelli di fidanzamento dei reali o delle nostre bisnonne
  • Three stone o Trilogy: è la montatura di stile solitario ma con l’incastonatura di tre pietre che creano un’armonia perfetta
  • Montatura a griffe: è la montatura più comune per l’anello di fidanzamento, prevede l’incastonatura del diamante su una base di metallo a sei griffe
  • Montatura con sgriffatura: in una montatura con sgriffatua, piccoli pezzi tondi di metallo vengono sollevati dalla superficie per essere utilizzati come griffe al fine di fissare la gemma. Questa montatura viene spesso scelta per far risaltare le pietre sulla fedina
  • Montatura a pavé: La parola pavé deriva dal francese “pavement” (pavimento) e rappresenta un tipo di montatura con sgriffatura nella quale le gemme di colore sono fissate una accanto all’altra con una punta. Nella montatura con pavé la superficie sembra come “pavimentata” con diamanti disposti uno accanto all’altro
  • Montatura a binario: nella montatura a binario i diamanti sono fissati in due pareti di metallo parallele all’interno della fedina
  • Montatura a tensione: nella montatura a tensione si sfrutta la pressione esercitata dalle direzioni opposte per fissare la pietra affinché appaia come sospesa sull’anello. Questa tensione crea l’illusione di un diamante che fluttua a mezz’aria
  • Montatura con incastonatura: gli anelli di fidanzamento con montatura con incastonatura sono caratterizzati da una superficie piatta che espone solo la corona o la parte superiore del diamante. Sono ideali per chi cerca un anello di fidanzamento con una montatura bassa.
  • Montatura a cattedrale: la montatura a cattedrale rende l’anello di fidanzamento più alto e dona maggiore eleganza. Il gambo dell’anello si incurva verso l’alto, ricordando gli archi alti ed eleganti di una cattedrale, mentre solleva la pietra centrale sopra alla fedina
  • Montatura con brunitura: nella montatura con brunitura le pietre sono incastonate in infossature all’interno della fedina
Salvareanello fidanzamento
Gift Habeshaw | Unsplash

8.Anello di fidanzamento: quanto spendere?

Come anticipavamo prima il “quanto spendere” lo consideriamo una decisione molto personale, ci sono delle linee guida che ci possono orientare ma poi l’impegno economico dipenderà chiaramente dalla vostra disponibilità e dall’impegno che volete mettere. Si considera che la prima fascia di prezzo sia tra i 300 e i 500€ che ci permette di scegliere pietre di dimensioni molto contenute. Se cerchiamo anelli più elaborati, con gemme di dimensioni, purezza e luminosità più importanti dobbiamo prendere il considerazione dai 1000 ai 1500€. E poi capirete che se avete unlimited budget potrete ambire senza problemi a gioielli di rara bellezza.

Salvareanello fidanzamento
Foto: Argyor

9. E l’anello della nonna? Perchè no!

Se non volete o non potete spendere molti soldi e volete andare sul sicuro, seguite l’esempio del Principe William, che ha regalato alla sua Kate un anello con zaffiro blu e diamanti appartenuto alla madre, Lady Diana. È passato già qualche anno, ma è evidente che questo gesto regale ha lasciato un segno indelebile anche in noi comuni mortali. Ovviamente non tutte le spose riceveranno uno zaffiro da 12 carati contornato da 14 diamanti solitari come la Principessa Kate Middleton ma il significato simbolico di un anello appartenuto a una donna della famiglia del proprio futuro sposo troviamo sia di una poesia unica e dal sapore decisamente vintage.

Salvareanello fidanzamento
Photo by Sabrinna Ringquist on Unsplash

Scrivere questo articolo per voi è stato piacevolissimo, la scelta dell’anello di fidanzamento è un momento delicato e molto intimo e speriamo di avervi ispirato e dato dei buoni consigli per orientarvi al meglio. Ora solo manca la proposta di matrimonio! Cosa aspettate?

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Su quale dito si indossa l’anello di fidanzamento?

Diamanti, smeraldi, rubini: conosci il significato delle gemme 

Come scegliere la misura giusta dell’anello di fidanzamento

Cose che cambiano dopo l’anello di fidanzamento

Scopri quando dovresti togliere l’anello di fidanzamento

La foto perfetta con l’anello di fidanzamento: 10 idee secondo i migliori fotografi

Inolotre guada questo video con la storia dell’anello di fidanzamento degli ultimi 100 anni!

Seleziona i fornitori che desideri contattare

Non vuoi perderti le ultime novità per il tuo matrimonio?

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia un commento

Lista di nozze Zankyou. Ricevi il 100% degli importi regalati sul tuo conto corrente.