What's new, la parola ai protagonisti dell'area più creativa di Si Sposa Italia

Durante l’ultima edizione di Sì Sposa Italia, abbiamo avuto la fortuna di conoscere da vicino l’interessante progetto What’s new, una singolarissima mostra evento ideata da Gabriella Giamminola de Il Matrimonio dei Sensi

Il Matrimonio dei Sensi nasce nel 1999 da un’idea di Gabriella Giamminola e Fabrizio Ferri in collaborazione con l’Università dell’Immagine di Milano: al team si unirà nel 2016 Giuliana Parabiago, giornalista e già direttrice di Vogue Sposa e Vogue Bambino. Lo scopo dell’iniziativa è espressamente quello di raccontare momenti speciali della vita, come il Grande Giorno di ogni coppia, attraverso percorsi sensoriali estremamente suggestivi. Così dopo aver lasciato la parola a wedding planner presenti a Sì Sposa Italia e ai suoi stessi protagonisti, ecco un’intervista esclusiva a Gabriella

Gabriella Giamminola - Il Matrimonio dei Sensi
Gabriella Giamminola – Il Matrimonio dei Sensi

1. Partiamo dalle origini, come nasce Il Matrimonio dei Sensi?

Nasce nel 1999 da una collaborazione con L’Universita dell’Immagine di Fabrizio Ferri. Gli studenti hanno creato per me il nome e il logo, la spirale aperta come vuole essere appunto il Matrimonio dei Sensi, che si occupa di tutte le aree del lifestyle. Un Matrimonio allargato quindi, che esce dagli stretti schemi per toccare tutti i 5 sensi, anzi i 6 come diceva Fabrizio Ferri, il più importante, la sensibilità.

2. A che tipo di sposa si rivolge?

Il Matrimonio dei Sensi si rivolge a un tipo di sposa, anzi di pubblico, che ama osare, ma che ha forte sensibilità e che non si chiederà mai imbattendosi in certe situazioni: “Che cosa c’entra questo con il Matrimonio?”.

3. Qual è il concept presentato a What’s New?

Il concept di What’s new e stato un piccolo assaggio di quello che di solito è il Matrimonio dei Sensi, che accompagna in tutte le scelte, non solo per la cerimonia, tutti coloro che hanno voglia di novità e di scoperte nuove in tutti i settori. Certe volte non si tratta di emergenti e quindi non una vera e propria novità, ma piuttosto qualcosa di noto, o molto conosciuto, presentato in modo speciale, diverso.

4. A suo parere di cosa ha bisogno il panorama bridal attuale?

Il panorama attuale mi sembra già abbastanza ricco, ci sarebbe solo bisogno di un po’ più di ricerca e possibilità di visibilità delle eccellenze sconosciute di cui è ricco il nostro paese e non solo.

5. Quali sono stati i criteri di selezione dei brand che hanno partecipato a Sì Sposa Italia?

La scelta è stata limitata, ma ha voluto toccare tutti i settori. Sono partita appunto dal primo incontro con Ferri nel 1999, quando radunò i suoi studenti per presentare il mio progetto e disse loro di rispondere alla domanda: “Che profumo ha il Matrimonio?”. Ho pensato che, anche se piccolo, una volta entrate nel mio spazio, le persone, avrebbero dovuto avvertire delle sensazioni, delle emozioni e quindi prima di tutto profumo, musica, suoni; quindi, che, tutto quello in cui si sarebbero imbattute, avrebbero potuto toccarlo, viverlo, come le panche d’artista su cui potevano sedersi e ritrovare un po’ di casa, in contrasto con i pezzi vintage di decoro o la prova trucco e capelli per un momento di coccole.

Ringraziando la disponibilità di Gabriella Giamminola, ecco chi sono stati gli altri protagonisti di quest’area tematica così affascinante: What’s new!

Poesie Sposa

Sartoria su misura specializzata nel confezionare abiti da sposa, passione, creatività e unicità al servizio di un’estetica incantevole e delicata. La Collezione del 2018 si intitola Herbarium e prende la sua ispirazione e la sua stessa costruzione dall’omonima poesia di Emily Dickinson, una dichiarazione d’amore alla natura soprattutto al suo aspetto floreale. E negli abiti della Collezione è possibile trovare tutta quella concentrata semplicità della natura, tutta la leggerezza dei fiori.

Foto via Poesie Sposa
Foto via Poesie Sposa

Campomarzio 70

Quattro generazioni di una famiglia di studiosi e appassionati per il mondo della profumeria di ricerca, un portfolio di oltre 20 marchi internazionali selezionati che condividono un unico denominatore comune: la qualità. Questa è Campomarzio 70, azienda della famiglia Di Liello, che dalla storica attività intrapresa nel centro di Roma negli anni Quaranta, quando al retail fu affiancata la selezione e la distribuzione dei più interessanti brand internazionali di profumeria artistica, vanta ormai 10 punti vendita, quasi tutti sparsi per l’Italia, eccetto due all’estero: Sofia e Monte Carlo. E proprio l’ultimo nato, The Essentialitaly, è stato inaugurato ne la cité du Grand Prix lo scorso dicembre, realizzato, in partnership con la prestigiosa azienda Nobile1942, con il desiderio di promuovere all’estero le eccellenze della profumeria e del design made in Italy.

Campomarzio 70
Campomarzio 70

Sartoria Bassani

Gli oltre 20 anni di esperienza delle sorelle Fabiana e Daniela Bassani e un racconto, separano temporalmente gli abiti che la Sartoria ha presentato all’interno de Il Matrimonio dei Sensi, nell’ambito della Fiera Sì Sposa Italia 2018. Il racconto vuole che le creazioni, riproposte all’interno della mostra evento di Gabriella Gamminola e composte da 10 abiti da sposa in bianco sviluppati anche in nero per la sera, fossero esposte nell’Atelier Bassani di Finale Ligure nell’ormai lontano 1997, e che notate da Carla Sozzani, fossero inserite nel prestigioso spazio “10 Corso Como”. Il vero punto di forza della Sartoria Bassani è la capacità di plasmare ogni collezione, personalizzandola sui bisogni e sulle scelte delle loro clienti. Che siano volumi scenografici o minimal, linee geometriche e tessuti amati dalla tradizione, mai cessano di creare un abito molto moderno.

Sartoria Bassani
Sartoria Bassani

Taala

Nata e cresciuta a Milano, Tatiana Lazzaro ha da sempre nutrito un forte interesse verso l’arte e il design, collaborando, peraltro, come designer e illustatrice nel settore della moda. L’unione tra quest’esperienza e la scoperta della passione per la ceramica fa nascere Taala, marchio che propone design esclusivi realizzati in porcellana con un forte richiamo al mondo floreale. Materiali di prima qualità, rifiniti con una vasta selezione di smalti e proposte completamente personalizzabili, sono i marchi di fabbrica di collezioni interamente prodotte a mano in Italia.

Taala
Taala

Cristina Bombardi Collection

Realizzazioni a mano con una straordinaria sapienza artigianale e un’incantevole armonia delle linee, sono le caratteristiche con cui nascono le creazioni di questo laboratorio: gioielli unici impreziositi da pietre naturali e da un incredibile lavoro di modellazione manuale. Uno stile di artigianato che sa, senza alcun differenza di sorta tra abito da sera, da sposa o casual, arricchire esteticamente chi lo indossa.

Cristina Bombardi Collection
Cristina Bombardi Collection

Alessandra Broggiato Fashion Artigigner

Tra design e artigianato, creatività e manualità, artigigner è il nome con cui si presenta Alessandra Broggiato, e nelle sue creazioni convivono tradizione e innovazione, influenze iconiche del mondo contemporaneo e il fascino di tutto ciò che è inviolata natura, in purezza. Cultura estetica maturata negli anni trascorsi nel laboratorio di papà Mario e accessori in cui la lavorazione del tessuto dà vita a un’esperienza tattile e olfattiva, pezzi artigianali, tutti unici. Una tradizione familiare che comincia dall’utilizzo di strumenti e attrezzi degli anni Cinquanta e che si esalta di una colorazione che viene fatta a mano, pezzo per pezzo. Alessandra Broggiato Fashion Artigigner è tutto questo: vent’anni di esperienza, passione per l’artigianalità, cura delle finiture, un team di sarte artigiane che amano il proprio lavoro.

Alessandra Broggiato Fashion Artigigner
Alessandra Broggiato Fashion Artigigner

Daphne Milano

Daniela del Cima è testa e cuore pulsante di questo progetto nato con lo scopo di realizzare una collezione dedicata al mondo del wedding! Una visione che, partendo dall’importanza dell’abito, in quanto simbolo fondamentale e significativo degli elementi donna e sposa, viene disegnata e interpretata con uno scopo più ampio – quindi abiti anche per damigelle, mamma, testimoni – che abbia il potere di creare uno stile corale e inconfondibilmente New-romantic. Uno stile che fonda le sue radici in un’immagine tradizionale di femminilità, dotata però di leggerezza e spontaneità tipica delle nuove generazioni. Linee morbide, abiti leggeri e impalpabili, giochi di patchwork, materiali ricercati e selezionati e colori naturali, sono gli ingredienti dei sogni da indossare a cui questa Maison milanese dà vita.

Daphne Milano
Daphne Milano

REA

Clara Bianchini e Giulia Requedaz sono le designer della linea di scarpe REA. Due creative dai caratteri opposti, ma accomunate da una visione del matrimonio non del tutto tradizionale. Sabot in velluto e visone, stivali ricamati a mano che sembrano come arredi di antichi palazzi regali, classica decolleté bianca in seta arricchita, però, da piume di struzzo a conchiglia, sono alcuni esempi del loro stile che attraversa tempi e maniere. Dettagli in grado non solo di valorizzare, ma di far risaltare un intero look. Negli occhi e nelle mani di queste due designer ogni vissuto diventa una nuova creazione, un’ispirazione, una ricerca: eleganza antica e gusto minimale contemporaneo.

REA
REA

Annagiulia Firenze

Una designer, Giulia, con una sorella, Anna, estremamente creativa e intuitiva che per anni ha lavorato nel settore accessori; una laurea presso il Polimoda Fashion Institute di Firenze; un premio, il Luxury Law Summit 2015 Rising Star Young Designer of the Year Award di Londra; infine, la passione per l’arte. Questi sono gli ingredienti per la genesi di un marchio che nato nel 2016 possiede già caratteristiche ben definite. La scelta è quella di una linea dalla femminilità eterea e dal sapore internazionale, utilizzando tessuti quasi esclusivamente italiani e lavorati a Firenze. L’obiettivo è quello di consolidare una propria identità riconoscibile nel mondo della moda: una miscela di novità, sapore cosmopolita, tradizione e couture.

Annagiulia Firenze
Annagiulia Firenze

Michele Sciretti

“Colori che sfidano il freddo” è il nome della collezione di questo artigiano che in quarant’anni di attività professionale è un consolidato riferimento del settore della pellicceria. Naturalmente artistico tanto quanto graniticamente artigiano, considera il suo lavoro “come un mestiere amico e antico” che vive e amplia le preziose esperienze ereditate dalla maestria dei predecessori; e ha un motto come base di ogni sua studiata opera: “Qualità e novità”.

Michele Sciretti
Michele Sciretti

Daniela Bentivoglio art jewelry

Pezzi unici di una bellezza molto più che semplicemente raffinata che vengono creati da questa maison con lo scopo di rendere ancor più speciale l’outfit di un giorno importante, ma che hanno il potere con la loro straordinarietà di rendere importante il quotidiano. Un concept, questo processo creativo che porta all’ideazione della gioielleria e della pelletteria della maison, che viene costruito su misura, come una speciale dedica, alla persona che l’indosserà.

 Daniela Bentivoglio Art Jewelry

Daniela Bentivoglio Art Jewelry

Beautick

Innovazione e ricerca sono le parole chiave del marchio dell’hair stylist Beppe D’Elia. Un binomio che lo ha reso l’assoluto protagonista dei migliori backstage delle sfilate moda di Milano e Parigi. Mani dal tocco magico, incredibile carisma ed esperienza ventennale, sono, invece, gli ingredienti che ne completano la pregiata, essenziale, bellezza.

Foto via beautick.
Foto via beautick.

Questo è ciò che abbiamo potuto ammirare al What’s new, una dimostrazione, se ce ne fosse bisogno, che il Made in Italy continua a stregare e che l’artigianato aspetta solo più voci a rappresentarlo.

Entra in contatto con i fornitori citati in questo articolo

Più informazioni circa

Lascia un commento

"New York, New York" : una splendida luna di miele nella Grande Mela
"New York, New York" : una splendida luna di miele nella Grande Mela
Sogna ad occhi aperti nella città dei grattacieli, del jazz e del teatro e scopri la sua tavolozza di colori, persone e sensazioni degne dei migliori film.
Foto: Aniela Fotografía
I 5 consigli più preziosi per una sposa creativa
Sposa creativa, se seguirai questi consigli progettare il tuo matrimonio non sarà una fonte di stress ma un'esperienza divertente che ricorderai con gioia.
Atelier Antonio Riva
I 10 comandamenti per la scelta dell'abito da sposa: la parola ai Murr
La coppia di fashion consultant più famosa d'Italia ha stilato in esclusiva per Zankyou 10 imperdibili consigli per la sposa.

Crea un fantastico sito web gratuito per il tuo matrimonio in soli due click

100% personalizzabile con centinaia di grafiche tra cui scegliere Vedere altre grafiche >

Anche la tua attività può comparire su Zankyou!
Se hai un'azienda o sei un professionista del settore wedding, Zankyou ti dà l'opportunità di far conoscere la tua attività a migliaia di coppie che scelgono noi per organizzare il loro matrimonio in più di 23 Paesi Maggiori informazioni