Pubblicità

Un matrimonio vintage? La parola all'esperta

La tendenza del vintage esplosa qualche anni fa continua a raccogliere consensi nel mondo del wedding. Abbiamo rivolto qualche domanda a Marina Mansanta, brand italiano unica nel suo genere. Buona lettura!

  • Abiti da sposa
SalvareDa sinistra, i modelli Pantar, Harlow e Cedro. Foto via Marina Mansanta
Da sinistra, i modelli Pantar, Harlow e Cedro. Foto via Marina Mansanta
Pubblicità

Tutti ne parlano, pochi ancora lo osano, ma diciamolo, un matrimonio retrò è una vera tendenza che tenta tutte le spose, nessuna esclusa. Alcune ne fanno il fil rouge delle proprie nozze, altre preferiscono personalizzare alcuni dettagli con un tocco d’altri tempi, altre ancora scelgono di indossare un abito da sposa vintage e le coppie più originali propongono ai propri invitati addirittura una lista nozze vintage ad hoc per la propria casa…

Insomma, che si tratti di un matrimonio 100% retrò o che accolga qualche influenza etnica, le sfilate milanesi della scorsa edizione di Sì Sposa Italia non si sbagliavano, ed accanto al minimal-chic imperante, il romanticismo d’altri tempi resiste eccome ed accoglie sempre maggiori consensi presso le future sposine italiane.

Per questo ho pensato di contattare l’Ufficio Stampa di Marina Mansanta, una delle designer di moda nuziale più gettonate, orgoglio del Made in Italy che da oltre 25 anni unisce un’inconfondibile originalità alla capacità di coniugare l’innovazione dello stile con la tradizione delle tecniche utilizzate. Artigianato come essenza della accuratezza nella lavorazione, dove ogni dettaglio non è casuale ma fortemente voluto per esaltare l’unicità di ogni abito da sposa.

1. Outfit vintage per la moda: un capriccio per poche o una vera tendenza?

Non vuoi perderti le ultime novità per il tuo matrimonio?

Iscriviti alla nostra newsletter

Il tema del vintage e la tendenza, sempre più diffusa, a scegliere capi di ispirazione retrò o pezzi originali è a mio parere un caso interessante e risultato di fattori concomitanti.
Il primo è in qualche modo una certa saturazione e ripetitività della moda, sempre più incline a uniformare e proporre modelli poco originali. Il vintage e il recupero di capi dal baule della mamma o della nonna viene vissuto dunque come uno sfizio, un esercizio di creatività, l’opportunità per uscire di casa con un dettaglio o un capo che sarà notato, proprio perché “dissonante” con il modello di stile proposto in un determinato periodo.
Il secondo elemento che ha fortemente incentivato questa tendenza è la sensibilizzazione verso il recupero, in controtendenza al consumismo esasperato dell’ “usa e getta” e, non meno importante, la crisi economica. Tutte queste variabili, in misura differente tra un soggetto e l’altro, hanno alimentato la passione per il vintage.
A mio parere dunque non si stratta di un capriccio ma di una tendenza, transitoria, alimentata forse da un atteggiamento malinconico verso tempi apparentemente più sereni. Parlando di nozze poi è stato il diffondersi anche in Italia dei “matrimoni a tema” a legarsi con la scelta del vintage per l’abito da sposa. Si può pensare ad un matrimonio stile anni ’30 e ispirarsi a quel periodo per l’abito, a un matrimonio anni Cinquanta o uno anni 70 e orientarsi verso un pantalone a palazzo e a una bandana in testa.

SalvareMarina MansantaScopri di più su “Marina Mansanta”
Marina Mansanta

Molte sono le alternative. Tra le nostre Collezioni ad esempio il modello Harlow risponde proprio a un’ispirazione retrò anni ’30. Il Cedro o il Pantar a una posteriore, tipica del decennio a cavallo tra 1960 e 1970.

SalvareMarina MansantaScopri di più su “Marina Mansanta”
Marina Mansanta

Come coniugare tradizione e mood retro?

Se con tradizione si intende il rispetto di alcune regole per la scelta dell’abito da sposa come designer è una questione a cui non hai mai ritenuto opportuno attribuire importanza.
Cosa è tradizione nella moda? Forse non c’è niente di meno tradizionale della moda. Ci sono degli schemi, come ho già detto prima, che servono per facilitare la coesione sociale attraverso meccanismi di riconoscimento e approvazione chi fa moda però deve concentrarsi sull’innovare, non sul rispetto della tradizione.
Per quanto riguarda il mio lavoro di stilista il mood che scelgo per una Collezione o per creare un abito personalizzato devono essere coerenti solo al mio stile, ciò che in effetti rende riconoscibile la mia attività e il marchio Marina Mansanta.

Quali sono i modelli che vanno per la maggiore?

Naturalmente ci sono dei best seller ma, lo dico onestamente, la Collezioni Marina Mansanta sono davvero proposte intramontabili. Una Collezione non va a sostituire l’altra ma si aggiunge ad un archivio di proposte che rimangono anno dopo anno nella lista dei desideri delle clienti MM. La forza del marchio è quella di aver proposto nel tempo modelli che è impossibile trovare altrove. Basta pensare alla Collezione Etnica o alla Collezione Preziose per capire quanto questo sia vero. Essendo il mio un Ufficio Stile infinite sono le possibilità di personalizzare, reinventare e creare la proposta davvero su misura delle esigenze di chi sceglie Marina Mansanta per un’occasione speciale.

Pubblicità

Lascia un commento