Sposarsi all'estero: la guida definitiva

Sposarsi all'estero: la guida definitiva

Tutto quello che devi sapere per organizzare il perfetto matrimonio all'estero, tra burocrazia, budget, mete e fughe d'amore.

Sposarsi all'estero: la guida definitiva
Wedding planners
  • Documenti matrimonio
  • Intervista
  • Cattolico
  • Laico
  • Ceremonia
  • Informale

E’ un dato di fatto: sempre più coppie decidono di sposarsi all’estero, e noi di Zankyou, che ormai da 10 anni gestiamo le lista nozze online di centinaia di coppie sparse in tutto il mondo, lo sappiamo bene. Solo in Italia, i cittadini che si sono rivolti al Consolato italiano all’estero sono in netto aumento secondo i dati ISTAT, ed in considerevole crescita sono le coppie internazionali in cui almeno uno dei due sposi è straniero (nel 2013 erano ben il 23 % del totale).

Salvaresposarsi all'estero
Riccardo Pieri Photography

1. Perché sposarsi all’estero?

Le motivazioni sono le più diverse, dalla ricerca dell’intimità assoluta evitando così di dover invitare il parentame, alla voglia di qualcosa di diverso e non visto. Eppure, molte coppie optano per questa scelta anche per i suoi costi decisamente ridotti. Mentre, infatti, un matrimonio tradizionale ha una serie di spese dalle quali non è possibile esimersi, legate in primis alla scelta della location, così come a servizi quali il menù nuziale, il fotografo di nozze, l’abito della sposa (senza contare le aspettative che tutti gli invitati hanno…!), le nozze celebrate all’estero prevedono un budget che di solito varia dai 500 ai 2000€.

SalvareSposarsi all'estero
By Vanessa – Wedding & Private Events

2. Tipi di cerimonie possibili all’estero

Esistono tre tipi di cerimonie possibili all’estero:

2.1. Matrimonio simbolico

Non vuoi perderti le ultime novità per il tuo matrimonio?

Iscriviti alla nostra newsletter

La prima è quella cosiddetta simbolica e non necessita di alcun documento in quanto si tratta semplicemente di una promessa tra gli sposi, quindi senza alcuna validità legale. Questo tipo di cerimonia è perfetta anche per festeggiare un anniversario e quindi rinnovare le promesse di matrimonio.

2.2. Matrimonio civile all’estero

Secondo l’art. 16 del DPR 396/2000 il matrimonio civile all’estero assume validità in Italia quando viene celebrato da un italiano o da un’autorità del posto, seguendo le leggi di quel paese che naturalmente non devono essere in contrasto con quelle italiane: non ci si può sposare in un paese che ammette la poligamia se in Italia si è già contratto un matrimonio e non si ha ancora ottenuto il divorzio, per esempio. Tornati poi in Italia, basterà registrare il matrimonio per essere ufficialmente sposati.

Non si potrà però effettuare la divisione dei beni, perché è possibile richiederla solo nel nostro paese (e un paio di altre mete come le Isole Cook e Mauritius), ma con un atto notarile, si può risolvere il problema. Per sposarsi sono quindi necessari il certificato di nascita dei due sposi, lo stato civile, eventuale certificato di divorzio o vedovanza, e i passaporti. Inoltre solo alcuni Stati richiedono le pubblicazioni, per questo è necessario contattare l’ambasciata per conoscere le regola della destinazione scelta.

Salvaresposarsi all'estero
Daniela Serpi Fotografia

2.3. Matrimonio cattolico

Per il matrimonio cattolico in aggiunta serviranno l’autorizzazione del proprio parroco, i certificati di battesimo e di cresima degli sposi e infine l’attestato di frequenza del corso pre matrimoniale. Si tratta in sostanza di celebrare il matrimonio in una diocesi diversa dalla propria, ma a sposarvi sarà sempre un prete cattolico, cambierà quindi la lingua, ma non il rito.

Salvaresposarsi all'estero
Sara Events

3. Documenti necessari

Il sito del Ministero degli affari Esteri ci indica le modalità per contrarre matrimonio all’estero:

“I cittadini italiani che si sposano all’estero non sono soggetti alle pubblicazioni di matrimonio, a meno che le stesse non siano richieste dalla legislazione straniera. In alcuni casi l’Autorità estera richiede un “Certificato di capacità matrimoniale” ai sensi della Convenzione di Monaco del 5 settembre 1980. Tale certificato è esente da legalizzazione e traduzione.

Gli Stati che hanno firmato e ratificato la predetta Convenzione di Monaco e che richiedono il “Certificato di capacità matrimoniale” sono i seguenti: Austria, Italia, Germania, Grecia, Lussemburgo, Moldova, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svizzera, Turchia. Si segnala che la predetta Convenzione non può essere attualmente applicata per il Belgio che, sebbene Paese firmatario, non ha ancora provveduto alla relativa ratifica. Se intendete celebrare il matrimonio presso le competenti Autorità di uno degli Stati che hanno sottoscritto e ratificato la Convenzione, dovete farvi rilasciare il “Certificato di capacità matrimoniale” dal vostro Comune di residenza in Italia o, se residenti all’estero, dalla nostra Rappresentanza diplomatico-consolare competente per residenza.

In alcuni Paesi, non aderenti alla Convenzione di Monaco, le Autorità locali presso cui deve essere celebrato il matrimonio possono richiedere un’attestazione di assenza di impedimenti per contrarre matrimonio.

Se siete residenti all’estero, la richiesta del “Certificato di capacità matrimoniale” di cui sopra dovete presentarla alla Rappresentanza diplomatico-consolare italiana nella cui circoscrizione territoriale risiedete, compilando una dichiarazione sostitutiva nella quale dovranno essere indicati tutti gli elementi indispensabili per il reperimento delle informazioni o dei dati richiesti.

L’eventuale attestazione di assenza di impedimenti per contrarre matrimonio va sempre richiesta alla nostra Rappresentanza diplomatico-consolare nella cui circoscrizione territoriale intendete contrarre matrimonio, anche se siete residenti in Italia.

La Rappresentanza potrà rilasciare il documento richiesto solo sulla base del positivo esito degli accertamenti, acquisiti d’ufficio i documenti previsti dalla legge e quelli ritenuti necessari per provare l’inesistenza di impedimenti.

4. La trascrizione dell’atto di matrimonio

Ricordatevi che il matrimonio celebrato all’estero per avere valore in Italia deve essere trascritto presso il Comune italiano competente.

L’atto di matrimonio in originale emesso dall’Ufficio dello Stato Civile estero, debitamente legalizzato e tradotto, dovrà essere rimesso, a cura degli interessati, alla Rappresentanza consolare che ne curerà la trasmissione in Italia ai fini della trascrizione nei registri di stato civile del Comune competente.

In alternativa potrete presentare l’atto, debitamente legalizzato e tradotto, direttamente al Comune italiano di appartenenza (vedi art. 12, comma 11, DPR 396/2000).

Gli atti rilasciati dai Paesi che hanno aderito alla Convenzione di Vienna dell’8 settembre 1976, che prevede il rilascio di un modulo plurilingue, sono esenti da legalizzazione e da traduzione. Tali Paesi sono: Austria, Belgio, Bosnia e Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Estonia, Francia, Germania, Italia, Lituania, Lussemburgo, Macedonia, Moldova, Montenegro, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Serbia, Slovenia, Spagna, Svizzera e Turchia. Si segnala che la predetta Convenzione di Vienna non può essere attualmente applicata per la Grecia che, sebbene Paese firmatario, non ha ancora provveduto alla relativa ratifica.”

Salvaresposarsi all'estero
Noces italiennes

5. Organizzazione del matrimonio all’estero

Non bisogna dimenticarsi di preparare il tutto in anticipo poiché ci vorranno almeno 3 o 4 mesi per le varie pratiche. Sposarsi all’estero non è quindi così difficile come sembra ma se l’iter burocratico vi spaventa, non dimenticate che esistono anche agenzie specializzate a cui rivolgersi e che faranno tutto per voi.

E’ quest’ultimo un punto di importanza fondamentale, questa soluzione implica l’affidarsi ad agenzie specializzate soprattutto nella compilazione dei documenti sia del paese italiano che del paese estero di destinazione. Se decidete il fai da te mettete in conto file interminabili agli sportelli per certificati e vidimazioni. Se avete poco tempo non è la soluzione che vi consigliamo.

Salvaresposarsi all'estero
Sara Events

Sara Events

Ma cosa implica in termini organizzativi? Bisognerà tenere conto almeno di tre punti:

5.1. Affidarsi a professionisti

Affidarsi a professionisti presenti nella città in cui ci si andrà a sposare e di organizzare, sempre e comunque. Effettuare svariati sopralluoghi per organizzare il matrimonio potrebbe rivelarsi estremamente difficile, soprattutto se scegliete destinazioni molto lontane. Meglio allora affidarsi ad un Destination Wedding, un organizzatore locale, meglio se madrelingua italiana, che saprà guidarvi nelle scelte evidenziando i punti di forza e di debolezza rispetto alla tipologia di evento che avete in mente.

5.2. Date la giusta importanza ai ricordi

Un bel servizio fotografico da mostrare agli amici e ai parenti rimasti a casa e che, forse, non avranno preso bene la scelta di convolare a nozze lontano da tutti.

5.3.Occhio alle spese extra!

Le uscite impreviste, ci sono sempre anche nei matrimoni nostrani, figurarsi all’estero! Non sempre purtroppo è possibile ovviare o farlo con poca spesa, quindi meglio stilare una check-list completa da controllare bene prima della partenza.

6. Dove sposarsi?

Senza nulla togliere alla nostra Bella Italia, con gli spettacolari scenari di Roma, gli agriturismi immersi nella campagna toscana, le affascinanti ville nuziali lombarde, l’idea di un atollo sperduto in cui pronunciare il nostro sì più bello in riva al mare rimane un’opzione che affascina tutti.

Salvaresposarsi all'estero
Michela Zucchini

Le destinazioni più gettonate dagli italiani sono:

  1. Stati Uniti: Las Vegas/New York
  2. Isole in Europa: Formentera/Santorini
  3. Capitali Europee: Londra/Parigi
  4. Destinazioni esotiche: Santo Domingo/Bali/Cuba

Il  paese dove è più semplice  sposarsi dal punto di vista burocratico è il Messico , mentre i più complessi sono l’ Indonesia e la Tailandia. In Polinesia Francese e nelle  Antille  Olandesi (Aruba e Curaçao)  deve essere obbligatoriamente celebrato il rito  civile in municipio, mentre nei Paesi caraibici tutti i matrimoni sono  civili, ma possono essere celebrati  anche da Pastori. Riguardo ai matrimoni cattolici, questi si possono celebrare solo in chiesa  e, salvo rarissime eccezioni, non possono essere concordatari . Tra  le destinazioni dove celebriamo più matrimoni in chiesa  ci sono senza dubbio le Seychelles e le più costose Bahamas e le Isole Cook. I matrimoni  un una piccola chiesetta  tropicale vicino al  mare sono senza dubbio  l’ ultima tendenza  in fatto di matrimoni ai tropici!

Insomma, le opzioni non mancano! Se l’idea vi tenta, è bene tener d’occhio la documentazione richiesta.

Salvaresposarsi all'estero
Foto via www.sposarsianewyork.com

7. Consigli pratici da annotare

– Innanzitutto ricordate i passaporti e controllate che abbiano un corso di validità di almeno 6 mesi.

– Ogni paese ha un centro di informazione a cui rivolgersi per le precauzioni da prendere se andate in posti esotici, quali vaccinazioni e trasporti e perchè no? anche sulle questioni pratiche e burocratiche vi potranno dare una mano.

– Una volta avvenuto il matrimonio in un paese estero si deve consegnare una copia dell’atto di matrimonio al Consolato o all’Ambasciata italiana in cui si è svolta la cerimonia. Il sito del Ministero degli Esteri potrà fornirvi tutti gli indirizzi e le informazioni per trovare le sedi all’estero in base alla meta scelta.

– Una volta legalizzato, l’atto viene inoltrato automaticamente per la trascrizione all’ufficiale di stato civile nel comune di residenza degli sposi.

– Se scegliete dei pacchetti di nozze attraverso un’agenzia con cerimonia inclusa ricordate che il tour operator si occupa solo dell’organizzazione del viaggio. Quindi, a meno che non prendiate accordi sui passaggi burocratici sopra descritti, sarete voi a dovervi recare negli uffici esteri per consegnare l’atto di matrimonio. Nel caso in cui il tour operator non si occupi della burocrazia vi consigliamo di contattare il Consolato o l’Ambasciata circa sei mesi prima della data fissata per il vostro matrimonio per chiedere i moduli necessari.

Salvaresposarsi all'estero
Sylvain Bouzat

E voi, opterete per un matrimonio tradizionale in compagnia dei vostri cari, o preferirete una romantica fuga d’amore lontani da tutto e tutti, per pronunciare il vostro sì più importante in riva all’oceano?