Pubblicità
Linee guida per i matrimoni 2021: la ripartenzaLinee guida per i matrimoni 2021: la ripartenza

Linee guida per i matrimoni 2021: la ripartenza

Approvato e annunciato dalla Conferenza delle regioni il testo per la ripresa in sicurezza delle attività del settore matrimoni ed eventi, ora si aspetta solo la data.

Linee guida per i matrimoni 2021: la ripartenza
  • Attualità
  • Ceremonia
  • Italia

Ci siamo lasciati alle spalle un 2020 che ci ha messo alla prova, è stato un anno difficile in generale e catastrofico per il settore dell’organizzazione di eventi e wedding. La pandemia ha generato un crollo dell’80% del fatturato annuo, una perdita stimata a 35 miliardi di euro, più di 17 mila matrimoni rinviati e un danno incalcolabile per l’intera filiera. La fine della prima ondata aveva lasciato sperare in una ripresa e in un over-booking per la stagione 2021 ma alla luce del dilagare della pandemia durante l’inverno, dei ritardi nei vaccini e della seconda ondata in generale, l’intero settore, e tutti i professionisti coinvolti, sono ancora costretti a fare i conti con una riapertura incerta, timida e che stenta ad arrivare. Si ragiona giorno dopo giorno, si organizza tutto passo per passo, non si fanno previsioni, si lasciano preventivi in stand-by e ancor peggio, si aspetta.

Linee guida per i matrimoni 2021

A parte il Decreto Sostegni che ha stanziato aiuti anche per le imprese coinvolte nell’organizzazione dei matrimoni, quello che i ristoratori, wedding planner, fioristi e altri professionisti aspettano sono le linee guida ufficiali alle quali attenersi e grazie alle quali poter ricominciare a lavorare. La buona notizia è che qualche giorno fa è stato pubblicato dalla Conferenza delle Regioni il testo che regolamenta la riapertura e indica le misure da seguire per la ripresa delle celebrazioni e dei banchetti. Ora si aspetta che questo venga approvato dal Consiglio dei Ministri e soprattutto si aspetta una data che voci di corridoio indicano per metà Maggio.

Linee guida per i matrimoni 2021

Non vuoi perderti le ultime novità per il tuo matrimonio?

Iscriviti alla nostra newsletter

Il protocollo, con tutte le indicazioni da seguire per lo svolgimento delle attività di ristoro e feste di nozze è al momento pensato per tutte le regioni italiane, anche se alcune associazioni di categoria e in particolare la Federmep, hanno indicato che potrebbero esserci ulteriori misure per le regioni che si trovano ancora in condizioni di criticità. Dopo manifestazioni e gridi d’aiuto il presidente Simona Ranieri dichiara che “Dopo mesi così bui ora bisogna scongiurare ogni forma di stop”.

Le linee guida

Nel documento di 31 pagine, che vedrà la luce tra qualche giorno, sono stati indicati i comportamenti da seguire, da qui a nuova data da destinarsi, tanto per i professionisti, quanto per gli ospiti. Regole precise che disegnano la nuova normalità e che hanno l’obiettivo di combattere il dilagare della pandemia permettendo però un regolare svolgimento delle attività. Vediamole insieme.

Misurazione della temperatura

Termometri, dispositivi con cui stiamo avendo a che fare da più di un anno e che non lasceremo di usare adesso. La misurazione della temperatura è uno dei primi step per permettere la partecipazione alla celebrazione ai nostri invitati. Il parametro soglia è una temperatura di 37,5 gradi.

Assembramenti

Sembra ormai un concetto scontato ma non lo è affatto. Sappiamo bene che quando ci si ritrova in conviviali e feste, si tende ad avvicinarsi, riabbracciarsi e fare gesti troppo poco prudenti. Il divieto di assembramento, inteso come aggregazione riavvicinata di gente continua ad essere assolutamente vietato, continua a rispettarsi il metro di distanza e si considerano misure per regolare la circolazione degli invitati. Può essere richiesta, se si ritiene necessario anche la segnaletica a terra.

Igienizzazione e mascherine

Fuori la chiesa, fuori il ristorante, come ricordino sui tavoli o nella pochette da invitata, il gel idroalcolico continua ad essere un alleato, così come l’uso costante della mascherina.

Eventi all’aperto

Nelle linee guida delle Regioni sono favorite le celebrazioni all’aperto, più fortunate in questo senso le location che godono di uno spazio esterno, che permetta una convivialità in tutta sicurezza. Per quanto riguarda i festeggiamenti all’interno, invece, c’è l’obbligo di mantenere le finestre aperte. Per gli impianti di condizionamento, è obbligatorio, se tecnicamente possibile, escludere totalmente la funzione di ricircolo dell’aria.

Linee guida per i matrimoni 2021

Disposizione dei tavoli

Regole simili agli assembramenti e che già abbiamo sentito ripetere. La disposizione dei tavoli, sia in ambienti esterni che interni, deve adeguarsi alla situazione pandemica di ogni regione e deve garantire un metro di distanza tra tavolo e tavolo. Il numero di invitati va quindi calibrato e ridimensionato in base a questa disposizione.

No al buffet

Divieto assoluto di buffet self-service, tutte le pietanze devo essere maneggiate e distribuite dagli addetti alla sala. L’unico buffet consentito potrebbe essere quello composto da porzioni mono dose o prodotti confezionati.

Guardaroba

Il guardaroba, luogo propizio per la contaminazione può essere utilizzato solo se le location riescono a garantire l’isolamento tra capo e capo con l’uso di copri-abiti o pellicole trasparenti.

Musicisti

La vicinanza tra i membri della band potrebbe essere motivo di assembramento e contagio. Si può accettare quindi di avere dei musicisti, solo se questi riescano a mantenere una distanza interpersonale tra loro di almeno un metro.

Nessuno avrebbe mai immaginato dover avere la necessità di ridisegnare il nostro modo di vivere, di comportarci e di fare festa. In un anno abbiamo imparato e cambiare priorità e ad attenerci a regole ferree, la buona notizia è che la vita va avanti, l’amore va avanti e a questo punto, fortunatamente, anche l’economia italiana.

Lascia un commento

Lista di nozze Zankyou. Ricevi il 100% degli importi regalati sul tuo conto corrente.