IT Login
IT

Viaggio di nozze alternativo: che ne dite di un tour in camper in Islanda?

La coppia inglese composta da Lisa Grant e Alex Pelling, dopo aver donato tutti i propri averi in beneficenza, ha deciso di partire per un lungo viaggio intorno al mondo, celebrando le proprie nozze in venti paesi differenti, secondo l'usanza del posto.

Non è detto che, per tutti, matrimonio significhi chiesa, cerimonia, abito bianco, fiori, pranzi, partecipazioni e foto… In genere, si sa, la tradizione chiede il suo tributo, ma prendersi una deroga da tutto questo è qualcosa che sempre più coppie scelgono di fare. Magari riservando la dose di maggiore originalità per il viaggio di nozze, momento in cui il mondo si spalanca di fronte a marito e moglie in tutte le sue infinite possibilità. Un’idea alternativa e sorprendente? Un viaggio in Islanda. In camper. Totale libertà, paesaggi incantati e inusuali, con la sicurezza di viaggiare con un mezzo proprio e garantiti, fin dalla partenza, contro qualsiasi imprevisto. Sì perché è bello concedersi il lusso di regalarsi un periodo “fuori dal mondo”, ma poterlo fare con la sicurezza e le spalle protette, lascia ancora più spazio al relax e il divertimento. Proprio per questo motivo è consigliabile consultare online i vari portali in cui è possibile procurarsi dei preventivi per la polizza del proprio camper: consultando questo portale, ad esempio, potrete trovare le migliori offerte per l’assicurazione online del camper e le migliori e più economiche proposte assicurative.

Foto via dimensioneavventura.org

Il camper, in quest’ottica, è senza dubbio il mezzo ideale. Perché permette la totale libertà di spostamenti e di suddivisione del viaggio come meglio si crede; consente deviazioni e percorsi alternativi a seconda delle voglie e delle occasioni che si presentano sulla strada e, soprattutto, permette di vivere da vicino le bellezze naturali di una terra incredibile come l’Islanda, approfittando, per i più infaticabili, delle 24 ore di luce che nei mesi estivi caratterizzano queste latitudini estreme. Tra i segni caratteristici di questa terra ci sono sicuramente i vulcani, diversi dei quali ancora attivi; migliaia di cascate più o meno grandi e scenografiche; i tipici geyser che fanno sgorgare sbuffi di acqua e vapore dalla terra. Oltre, naturalmente ai ghiacci perenni e la neve che ricoprono il paesaggio da qualsiasi parte si volga lo sguardo, regalando panorami capaci di sorprendere anche i viaggiatori più esperti.

Tra le mete imperdibili il cosiddetto Circolo d’Oro, che comprende la cascata Gullfoss (la più famosa del Paese), l’ampia area di Geysir, ricca di pozze di acqua bollente che proprio da qui prendono il loro nome, e Thingvellir, luogo mitico, e molto caro alla popolazione islandese, in cui i vichinghi istituirono il primo parlamento. I guidatori infaticabili possono partire per l’Islanda direttamente da casa, trovando, nei porti del nord, tante possibilità per imbarcarsi su navi e traghetti con il mezzo al seguito. Va da sé, naturalmente, che per un viaggio di questo tipo bisogna mettere in conto un periodo piuttosto lungo e avere la certezza di potersi alternare alla guida. Altrimenti nella capitale Reykjavik, città che merita una visita approfondita, c’è la possibilità di noleggiare camper di ogni dimensione e completi di ogni accessorio.

A livello pratico, per entrare in Islanda, vanno bene sia il passaporto sia la carta d’identità valida per l’espatrio, visto che il Paese, pur non essendo anche membro dell’Unione Europea, è comunque all’interno dell’area Schengen. La moneta corrente è la Corona Islandese mentre, per la lingua, l’inglese è parlato praticamente da tutta la popolazione. Se si noleggia un camper in loco, al ritiro viene generalmente chiesta una cauzione da effettuare su una carta di credito in corso di validità.


Guest blogger: Giulia Cantelmi

Da sempre appassionata di scrittura creativa e onnivora lettrice di romanzi russi dell’800, inizio la mia carriera collaborando per alcuni giornali locali e riviste online di moda e benessere, specializzandomi in entrambi i settori. Coniugare le mie diverse passioni come la scrittura, la moda, il mondo del web e la fotografia come reporter a sfilate e shooting, è stato il passo successivo e naturale che mi ha portato a diventare una writer freelance per diverse testate giornalistiche. Queste collaborazioni online mi permettono quotidianamente di sviluppare la mia creatività e la mia curiosità sempre in continua espansione!

Anche tu lavori nel wedding e vuoi scrivere per Zankyou? Contattaci

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Maggiori informazioni

Lascia un commento

Crea un fantastico sito web gratuito per il tuo matrimonio in soli due click

100% personalizzabile con centinaia di grafiche tra cui scegliere Vedere altre grafiche >

Lavori nel settore matrimoni?
Se hai un'azienda o sei un professionista del settore wedding, Zankyou ti dà l'opportunità di far conoscere la tua attività a migliaia di coppie che scelgono noi per organizzare il loro matrimonio in più di 19 Paesi Maggiori informazioni