IT Login
IT

Un matrimonio altoatesino secondo la tradizione

Il matrimonio in Alto Adige è una cosa seria. Non che altrove non lo sia – sia chiaro – però qui dalle nostre parti si prende davvero molto sul serio la questione matrimoniale con tutti gli annessi e connessi. Un po’ perché il sentimento religioso è ancora piuttosto profondo (ma anche qui ci si sposa in comune, ovvio, però abbiamo chiesette così belle…), un po’ perché le tradizioni locali – che affondano le loro radici in un passato lontano – sono davvero molto molto sentite e penetrano parecchi aspetti della vita quotidiana degli altoatesini. Uno tra questi, naturalmente, il matrimonio.
Dunque, in Alto Adige ci si sposa tanto e non sempre lo si fa nel modo “classico” che tutto il resto d’Italia conosce. Perché la nostra tradizione è un’altra tradizione, molto più simile a quella tirolese o bavarese che non a quella – che ne so – siciliana o toscana.
Ovviamente non tutti i matrimoni altoatesini sono “tradizionali”. Anche noi ci siamo evoluti, anche noi abbiamo pinterest e facebook, anche noi troviamo in edicola le riviste di wedding appena uscite. Però ancora alcune persone (soprattutto nelle valli montane, dove il senso della storia e della tradizione è molto forte) scelgono per sé e per il giorno più bello, di rifarsi agli usi e costumi di un tempo (riadattati all’oggi, quando più, quando meno).
Ma che significa, nei fatti, “matrimonio tradizionale altoatesino”?
Soprattutto, è una questione di abiti. I costumi tipici tirolesi si chiamano “Trachten”, termine che appunto definisce tutti gli abiti tradizionali – per uomo e donna – di aree come il Tirolo, l’Austria, la Germania e poi ovviamente l’Alto Adige. È composto – nella versione femminile – da una camicia bianca candida a maniche corte, una guepiere che mette ben in vista le forme femminili, una gonna ampia e un grembiule. Il tutto può essere arricchito da un foulard e da un ampio cappello. Detto così, può sembrare la divisa della “contadina d’altri tempi”. E un po’ lo è ovviamente (le vere contadine e i veri contadini ancora oggi indossano la Tracht – che è il singolare di Trachten – con grande orgoglio).

Foto via Claire Morgan

La Tracht infatti è un costume che affonda le sue radici nel lontano passato di queste terre contadine e ancora oggi viene vissuto come un’eredità storica, culturale e famigliare molto preziosa. Ogni vallata ha la sua Tracht diversa, che partendo da elementi simili, modifica piccoli dettagli che ne connotano la provenienza e definiscono il senso di appartenenza a un luogo.
Spesso una Tracht femminile, preziosa e rigorosamente fatta a mano, viene tramandata di madre in figlia, e diventa un abito da indossare con fierezza in occasioni particolari, come per esempio il matrimonio. Appunto. Oggi come oggi si possono trovare Trachten pazzesche, prodotte da molte aziende di abiti tradizionali, fatti con tessuti pregiatissimi, con ricchi decori e ricami, con dettagli in visone, con disegni e fantasie dalla bellezza indiscutibile. Dunque, contadinella sì, ma “de classe”.

Foto via Carmencita Film Lab
Foto via Carmencita Film Lab

Poi c’è il Dirnd, una versione più “sportiva” (la struttura camicia-bustino-gonna-grembiule è la stessa), che oggi è tornato prepotentemente di moda e che dunque è stato reinterpretato dalla moda in mille maniere, colori, forme. Per esempio, più corto del normale, per mostrare le gambe e sentirsi un po’ più sexy.
Normalmente il Dirndl andrebbe portato con calze chiare forate e scarpine basse un po’ ballerine un po’ pantofoline. Oggi però la bellezza dell’operazione è che si può abbinare liberamente un bel Dirndl a tacchi altissimi, stiletti Jimmy Choo vertiginosi, ballerine in stile Audry o perfino sneakers colorate (magari non per andare all’altare).

Foto via Pinterest

Quasi ogni donna altoatesina un Dirndl o una Tracht nell’armadio ce l’ha. Magari ce l’aveva da bambina, magari l’ha comprato per una gita all’Oktoberfest, magari l’ha ereditato dalla nonna. Sta di fatto che noi qui il Dirndl lo si indossa spesso, cosa abbastanza rara, di questi tempi. Sia per le scampagnate o le castagnate che per festa super lusso, formali ed eleganti. E per i matrimoni ovviamente.

C’è una curiosissima particolarità negli abiti della tradizione. Il grembiule, che è l’elemento decorativo cruciale per distinguere la Tracht e il Dirndl da un abito qualsiasi, ha delle sue regole molto precise, non si può mica indossare così, a caso. È tutta una questione di fiocco. Fallo a sinistra e dichiarerai al mondo circostante “sono allegramente single”, quindi, begli uomini in pantaloni corti di pelle (l’abito tradizionale versione maschile), fatevi sotto, sono libera! Se il fiocco è al centro invece la dichiarazione di guerra sarà “sono vergine”, metto un sorrisino timido, arrosisco facile e difendo a costo la vita la mia virtù. Ultima opzione: fiocco a destra “sono sposata”, statemi lontani o mio marito vi tirerà uno speck in testa.

Ma, torniamo a bomba. Sposarsi in Alto Adige in Tracht. Come detto, succede (magari non proprio quotidianamente, ma succede). E le aziende che producono questi stupendi abiti, si sono organizzate, proponendo nelle proprie collezioni costumi preziosi, in colori chiari e matrimoniali, con decori delicati, con dettagli adatti ad una sposa (con fiocco rigorosamente a destra). Ma ce ne sono anche di colorati e allegri, per damigelle d’onore, mamme, nonne e zie di primo secondo e terzo grado.

Modello Gratia - Foto via susannespatt-braut

Con le donne del matrimonio vestite così (e di solito, se si tratta di un matrimonio tradizionale, l’abbigliamento è proprio specificato nel dress code, difficile esimersi), la cerimonia prende subito una piega antica, un’atmosfera d’altri tempi, un immagine piuttosto rara e per certi versi anche molto bella (se tutte sono dotate di buon gusto e scelgono Tracht e Dirndl belli, che ce n’è pure di terribilmente kitsch…).
Di sfuggita, ho buttato lì che l’abito tipico maschile è il pantalone in pelle corto e ricamato, con pettorina e bretella su camicia a quadretti, da portare con calzettoni grossi al ginocchio. Ecco, anche se oggi i più giovani lo abbinano camice bianche e strutturate, calzini in filo di scozia e mocassini, io onestamente mi sento di non appoggiare in toto la scelta della tradizione, sperando che lo sposo (e i suoi compari) optino per altre versioni dell’abbigliamento tipico un po’ più discrete. Tipo una raffinata, elegante giacca in lana cotta ben tagliata, con dettagli in pelle e bottoni in osso, pantalone classico e via.

Dunque, si può scegliere di adottare questo stile il giorno del matrimonio, ma più spesso succede che gli sposi scelgano un classico abito bianco (il sogno nuziale di bambina è lo stesso in ogni angolo del mondo, mi sa…) e un completo blu, senza però abbandonare del tutto il tema “la nostra tradizione”. È uso infatti che i matrimoni germanici, per esempio, durino più di un giorno (sì, ci piace festeggiare da queste parti!). Così il programma prevederà: festa di benvenuto il giorno prima tutti in abiti tradizionali + matrimonio classico, molto classico con Cut e Tight d’ordinanza (se siete sopravvissuti alla serata a birra e crauti e brezel) + festa serale in lungo (tra cerimonia e serata, tutti a cambiarsi).
Così sono tutti contenti, la tradizione c’è in piena regola e fa la sua parte da leone, ma la sposa può indossare anche il suo abito meringa e vivere per sempre felice e contenta col suo nuovo consorte in pantalone di pelle.

* il posto giusto per acquistare una pregiata Tracht o un bellissimo dirndl, per fare – tipo a Firenze o a Verona – un matrimonio in stile tirolese (o anche solo per stupire gli amici durante una scampagnata primaverile)? A Bolzano e a Merano, punto di riferimento assoluto per l’abbigliamento tradizionale è il negozio storico Oberrauch Zitt. Qui trovate tutto l’armamentario tirolese, per lei e per lui.

Guest blogger:

Anna Quinz di franzmagazine.com

Managing Editor & Creative direction, 100% altoatesina

Vuoi collaborare con Zankyou? Contattaci
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Maggiori informazioni

Lascia un commento

Crea un fantastico sito web gratuito per il tuo matrimonio in soli due click

100% personalizzabile con centinaia di grafiche tra cui scegliere Vedere altre grafiche >

Lavori nel settore matrimoni?
Se hai un'azienda o sei un professionista del settore wedding, Zankyou ti dà l'opportunità di far conoscere la tua attività a migliaia di coppie che scelgono noi per organizzare il loro matrimonio in più di 19 Paesi Maggiori informazioni