IT Login
IT

Milano Fashion Week, primavera/estate 2015: ‘la donna è mobile’, come la società…

Milano Moda Donna SS2015, creazioni di Stella Jean - dsquared2 e Marco De Vincenzo. Foto via milanomodadonna.it

Si è conclusa proprio ieri la luccicante kermesse della settimana della moda milanese, che ha visto sfilare le collezioni femminili attinenti alla stagione primavera/estate 2015 delle nostre Maison di Moda. E non ci servirà scomodare Goffman, Barthes, Simmel e la maggior parte dei teorici dei fashion studies per toccare con mano quanto – al di là delle cadenze serratissime cui gli stilisti sono sottoposti, all’interno di un calendario che impone creatività in tempi sempre più stretti – la moda sia lo specchio del tempo, ed un abito possa comunicare non solo la personalità di chi lo indossa, ma lo stesso momento storico che si sta vivendo.

Cividini, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it
Marni, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it

Così, immersi nel calderone di una globalizzazione che accosta modi di vivere agli antipodi, e nel cuore di un meltin’pot all’interno del quale le città diventano metropoli cosmopolite, pronte ad accogliere una nutrita compagine di popoli che non condividono nulla, se non il loro stesso essere al mondo, a Zankyou ci ha colpito la dirompente tendenza del mix & match da parte della stragrande maggioranza degli stilisti protagonisti dei fashion shows appena conclusisi.

Massimo Rebecchi, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it
Missoni, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it

Non sono solo accostamenti di tessuti più disparati, che a partire dalla loro preziosità – e dalla loro preziosa diversità – si uniscono, per dare vita ad ensemble inusitati tanto quanto innovativi e sorprendentemente armonici; il mix&match avviene anche e soprattutto nelle stampe più dissimili, righe con decori, fiori con pois sia micro che macro, Barocco con Bauhaus, per total looks che a prima vista potrebbero sembrare crash stradali, ma che si risolvono in convivenze più che felici.

Just Cavalli, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it
MSGM, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it

È così dal poeta sardo Antonio Marras, per entrambe le sue due linee, e dalla poetessa sudamericana Stella Jean, che porta il baseball nelle isole tropicali.

Antonio Marras, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it
I'm Isola Marras, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it
Stella Jean, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it
Stella Jean, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it

È così da Etro, che ripesca nelle suggestioni composite dei Nativi d’America, riadattandole alle linee sartoriali contemporanee.

Etro, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it

È così con paillettes unite al denim e al tartan, con frange in pelle abbinate al cotone più easy, con il tartan ed il pizzo, come accade da Au Jour le Jour, Blugirl, dsquared2, MSGM, Marco De Vincenzo

Au Jour le Jour, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it
Blugirl, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it
dsquared2, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it
MSGM, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it
Marco De Vincenzo, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it

Una tendenza irresistibile alla quale non si sottraggono neanche colossi della moda italiana quali Prada, che intaglia damascati antichi, e Fendi, con contaminazioni plastificate e volumi over.

Prada, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it
Fendi, primavera-estate 2015. Foto via milanomodadonna.it

Ancora una volta, la moda si fa portavoce di un messaggio che, attraverso lo stile, dimostra quanto tutto sia più semplice, quando è filtrato attraverso l’intelligenza del buon gusto – nel modus vivendi, e non solo nell’armadio.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Maggiori informazioni

Lascia un commento

Crea un fantastico sito web gratuito per il tuo matrimonio in soli due click

100% personalizzabile con centinaia di grafiche tra cui scegliere Vedere altre grafiche >

Lavori nel settore matrimoni?
Se hai un'azienda o sei un professionista del settore wedding, Zankyou ti dà l'opportunità di far conoscere la tua attività a migliaia di coppie che scelgono noi per organizzare il loro matrimonio in più di 19 Paesi Maggiori informazioni