IT Login
IT

L’importanza dell’abito sartoriale. 3 risposte a 3 domande cruciali

Il giorno più bello è per la sposa quello in cui indosserà l’abito che ha sempre desiderato di indossare, mostrando attraverso pizzi, merletti, organza e seta, da un lato la sua personalissima femminilità e dall’altro il desiderio di quel giorno, di un ambiente costruito per ospitare la storia d’amore, che con l’uomo scelto per intraprendere un lungo percorso di vita insieme, è maturata fino a creare una così perfetta bellezza.

Foto via Shutterstock

Ma è proprio su quell’abito che noi di Zankyou vogliamo soffermarci, il vestito è un racconto non solo di chi l’ha creato, ma soprattutto di chi lo indosserà e se le storie sono uniche e personali come possono non esserlo gli abiti? Di questo e di altre deliziose vezzosità abbiamo parlato con Elena Barba, responsabile di Ateleba – atelier situato a Napoli, che con qualità sartoriale veste da più di vent’anni spose di ogni età – che portandoci la sua ricchissima esperienza professionale, è stata così gentile da rispondere alle nostre domande!

Ateleba - Sartoria SposaScopri di più su “Ateleba - Sartoria Sposa”
Ateleba – Sartoria Sposa

1) Carissima Elena, perché le future spose 2016 dovrebbero scegliere un abito sartoriale? Qual è il quid in più?

“Scegliere un abito da sposa sartoriale significa non accontentarsi di ciò che ci viene proposto, ma desiderare qualcosa in più. Spesso, ad esempio, succede che un abito ti piaccia molto, ma la sua linea magari non è esattamente quella che meglio è in grado di esaltare la linea del tuo corpo, oppure non ha la scollatura che hai sempre sognato e che ti slancia. Magari ti capita di apprezzare alcuni dettagli di un vestito, mentre quello che stai indossando è esattamente ciò che fa per te perché la linea è quella che ti fa sembrare magra e slanciata. Oppure ancora, ti piace tutto dell’abito che stai provando, ma avevi in mente un tipo di ricamo diverso rispetto a quello che viene proposto”.

Ateleba - Sartoria SposaScopri di più su “Ateleba - Sartoria Sposa”
Ateleba – Sartoria Sposa

“La possibilità di perfezionare qualsiasi modello di abito, cambiandone la vestibilità ed ammorbidendone le forme in base alle necessità di ogni cliente, insieme alle infinite possibilità di personalizzazione rendono l’abito da sposa “su misura” la scelta ideale per tutte coloro che non amano accontentarsi. Ancora, fondamentale è da tenere in considerazione la possibilità di cambiare il tessuto, spaziando tra le sete italiane ed i pizzi francesi, scegliendo cadute morbide e fluide e disegni leggeri e piccoli. La scelta è in parte più lunga, rispetto ad un abito di fabbrica, ma il risultato ogni volta compensa egregiamente il lavoro fatto in precedenza”.

Ateleba - Sartoria SposaScopri di più su “Ateleba - Sartoria Sposa”
Ateleba – Sartoria Sposa

2) Qual è la differenza essenziale tra abiti sartoriali ed abiti “commerciali”?

“Ancora una volta mi sento di dire che la perfezione del modello è fondamentale. Puoi anche acquistare un abito da sposa da 50 mila euro, magari strepitoso, ma se non è realizzato sul tuo corpo, può capitare che la scollatura si stacchi dal corpo di qualche centimetro, che il punto vita sia più lungo del tuo e compaiano quelle antiestetiche pieghine di morbidezza laterali, o che la forma del seno sia talmente differente da quella della cliente da sembrare innaturale e finta. Tra un abito industriale ed uno sartoriale le differenze sono enormi e dipendono tutte esclusivamente dal fatto che il corpo di ogni donna è differente da un altro e, soprattutto, è differente da un corpo standard”.

Ateleba - Sartoria SposaScopri di più su “Ateleba - Sartoria Sposa”
Ateleba – Sartoria Sposa

“Inoltre lavorando su misura, si effettua uno studio del corpo della cliente e vengono adottati accorgimenti talmente personali che sarebbe impossibile pensarli in fabbrica per ognuna, come ad esempio stecche utilizzate per ottenere un determinato effetto e, soprattutto, in quali posizioni metterle. Le stecche, infatti, vengono disegnate addosso alla cliente sul telino di prova, posizionandole in modo da farle lavorare a sostegno del seno oppure come contenimento su pancia e fianchi. Durante lo studio del corpo della cliente l’occhio esperto saprà valutarne anche la postura e gli atteggiamenti in piedi e da seduta, per adottare quegli accorgimenti giusti per fare in modo che l’abito risulti sia perfetto che comodo. Tutto questo lavoro per ogni cliente dà sempre e comunque risultati perfetti”.

Ateleba - Sartoria SposaScopri di più su “Ateleba - Sartoria Sposa”
Ateleba – Sartoria Sposa

3. Le tre caratteristiche che dovrebbe avere l’abito da sposa sartoriale perfetto?

“Le caratteristiche che dovrebbe avere un abito da sposa perfetto sono tante. Lo so, io sono pignola e guardo tutto, ma sono convinta che ogni elemento, anche il più piccolo, concorra al raggiungimento di un ottimo risultato. Quello che guardo io quando l’abito di una mia cliente è terminato e lo ha indosso è prima di tutto la caduta. Il vestito è perfetto se scende dritto, sembra banale quasi a dirlo, ma può capitare che il lato sinistro del corpo sia diverso dal destro e anche mezzo centimetro di spostamento bacino da un lato all’altro, se non corretto dove occorre, può far cadere la gonna di più da un lato che dall’altro. Perfetto è un abito quando la scollatura non scalza ed invece aderisce bene al seno, quando la curva del seno risulta naturale rispetto alla forma del corpo della persona. Un abito perfetto lo è anche quando la coda è proporzionata rispetto all’altezza della persona, quando la piega sfiora il pavimento e si allunga dolcemente dai fianchi per aprire la coda, quando il giromanica accosta perfettamente al braccio e non lascia intravedere l’intimo, quando la cerniera è perfettamente coperta, quando le cuciture sono dritte e spariscono senza grinze”.

Se quindi restiamo sui consigli della nostra Elena di Ateleba e sulla sua straordinaria esperienza, non è difficile comprendere quanto sia importante che il vestito sia legato, attraverso quel racconto di unicità che in quanto sartoriale inevitabilmente lo rappresenta, a quello di ogni sposa. Forse il consiglio ultimo è di affidarsi in questo all’esperienza di chi vi affiancherà nel meraviglioso percorso che vi attende, perché tutto sarà parte dei ricordi e di quella storia femminile che sarà esclusivamente vostra.

[Foto copertina: FXQuadro]

Aziende che ti possono interessare

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Crea un fantastico sito web gratuito per il tuo matrimonio in soli due click

100% personalizzabile con centinaia di grafiche tra cui scegliere Vedere altre grafiche >

Lavori nel settore matrimoni?
Se hai un'azienda o sei un professionista del settore wedding, Zankyou ti dà l'opportunità di far conoscere la tua attività a migliaia di coppie che scelgono noi per organizzare il loro matrimonio in più di 19 Paesi Maggiori informazioni