IT Login
IT

I 10 inconvenienti che potrebbero rovinare il tuo matrimonio IN UN SOLO MINUTO

Organizzare un matrimonio, come ben sappiamo, è un lavoro a tempo completo. Implica mesi e mesi di preparativi, incontri con fornitori di nozze, valutazioni di budget e prove abito in atelier, scelta di menù ed allestimenti, definizione di calendari e scadenze. Eppure, e qui arriva la brutta notizia, basta un solo minuto per rovinare tutto.

Andrea CittadiniScopri di più su “Andrea Cittadini”
Andrea Cittadini

“Purtroppo spesso ci si rende conto di tutto solo dopo – ci racconta Chiara di Emozioni & Strani Eventi a cose fatte, quando la tempesta è passata e si ripensa a cosa non è stato fatto, cosa non è stato fatto proprio come avremmo voluto… e il sogno del giorno non convenzionalmente perfetto sfuma fra tante piccole (a volte impercettibili) imperfezioni. E questo non ci piace!”

Eppure ci sono cose che non dipendono da noi: per questo oggi non vogliamo parlarvi di quegli errori che commettono 9 coppie su 10 in fase organizzativa, né di quelle cose che gli sposi dimenticano di fare salvo poi accorgersene quando ormai è troppo tardi, ma ci riferiamo a quei fattori su cui gli sposi non hanno alcun controllo.

Mario Caponera Emotional PhotographerScopri di più su “Mario Caponera Emotional Photographer”
Mario Caponera Emotional Photographer

Si tratta da un lato delle condizioni meteo, che non possiamo contrastare in alcun modo, ma di sicuro provvedervi mediante piani B anti-pioggia e, soprattutto, attraverso un mood no-panic ben saldo. Dall’altro di quello che faranno i nostri invitati. E non parliamo solo dei bambini, i quali – pur se intrattenuti a dovere come consigliavamo qui- sono sempre i più imprevedibili, ma anche tristi uscite dei nostri invitati che, pur se con le migliori intenzioni, potrebbero cadere in errore. Come? Scopriamolo insieme per mettere tutte le ipotesi sul piatto… perché nulla ci colga impreparate!

1. Invitati ritardatari

Una delle regole più importante per tutti è arrivare in orario. Noi possiamo da parte nostra agevolare i nostri cari scegliendo la location nuziale anche in base alla sua comodità ed alla sua posizione geografica, oltre che facilitare tutte le informazioni in modo pratico e comodo: a tal proposito, sapete che all’interno del sito web gratuito che potrete creare con Zankyou c’è anche la possibilità di presentare l’agenda della giornata e le fasi della cerimonia mediante comode mappe? Senza contare che potrete consigliare anche hotel in cui pernottare ed i parcheggi limitrofi.

Giorgio Baruffi FotografiaScopri di più su “Giorgio Baruffi Fotografia”
Giorgio Baruffi Fotografia

Nonostante ciò, probabilmente scorgerete d’improvviso qualcuno entrare comunque in ritardo: in questi casi possiamo solo augurarci che abbia il buon gusto di sedersi in fondo e soprattutto di spegnere il cellulare prima di accedere al luogo della celebrazione…

2. Invitate in bianco

Ripetiamolo una volta per tutte: solo la sposa si veste di bianco. Lo dice il galateo, lo dicono le nostre esperte in questa maxi guida per la perfetta invitata di nozze e lo dice anche il caro vecchio buon senso: perché rubare il protagonismo alla sposa nel suo giorno più bello?

Francesca Francesca – Foto via Facebook.com/francescafrancescaphotography

Più che comprensibile la vostra faccia vedendo entrare nella sala del ricevimento un’invitata di bianco vestita: per scongiurare ogni rischio, consigliamo di dare qualche indicazione anche basica riguardo al dress-code, sia che desideriate un matrimonio elegantissimo, sia che abbiate optato per un ricevimento in spiaggia. Faciliterete la vita ai vostri cari, alle prese con l’annosa questione ‘Ma cosa mi metto?’ e scongiurerete il rischio di look inopportuni e decisamente poco graditi.

3. Scherzi a parte

Benché la tradizione non li preveda, moltissimi sono gli invitati che non concepiscono un matrimonio senza momenti goliardici. E non parliamo del lancio del bouquet, ma di veri e propri scherzi che possono essere più o meno graditi e gradevoli.

I AM PHOTO di Alessia GirardiScopri di più su “I AM PHOTO di Alessia Girardi”
I AM PHOTO di Alessia Girardi

Ricordate quando vi elencavamo i meno opportuni qui? Purtroppo dobbiamo mettere in conto che qualche simpaticone proporrà all’improvviso qualche iniziativa dall’opinabile definizione di divertente; o invocherà in modo un po’ troppo concitato un Bacio! Bacio! Bacio! facendo arrossire più del dovuto la sposa; o, nel mezzo del suo commovente discorso, se ne uscirà con una battuta o, peggio, rivelando dettagli che non dovrebbero essere di dominio pubblico. Come comportarci? Buon viso a cattivo gioco, amiche: non permettete che una manciata di secondi rovinino il vostro Giorno più importante.

4. Parenti serpenti

Come abbiamo visto, ci sono parenti o conoscenti che non dovete sentirvi in obbligo di invitare. Ma purtroppo non sempre è possibile fare dei tagli categorici all’elenco degli ospiti. Anche in questo caso, meglio giocare d’astuzia organizzando i tavoli in modo furbo e cercando di limitare i danni di chi vuole a tutti i costi intromettersi.

Fabio Meloni FotografiaScopri di più su “Fabio Meloni Fotografia”
Fabio Meloni Fotografia

Ci racconta Alice, wedding planner di Alice Zielo che le lamentele più comuni riportate dalle sue spose hanno a che vedere con la presenza di suocere tuttofare. “Ricordo in particolare una suocera che aveva deciso chi invitare, chi doveva stare al tavolo con chi, addirittura aveva ordinato le bomboniere senza interpellare gli sposi- ricorda con noi Alice - Il risultato? Questa povera sposa non ha più riferito alcun dettaglio nè svolgimento del lavoro per il resto dell’organizzazione…” Il che è un peccato, perché i preparativi fanno parte del matrimonio, ed è cosa buona e giusta viverli in modo sereno in ogni loro fase. E poi, dove sta scritto che la suocera è una nemica? Noi qui vi abbiamo fornito più di un motivo per andare d’accordo, ma la regola generale di cui fare tesoro prevede che si possa contare sull’aiuto dei costri cari per una selezionata lista di piccole attività, ma… attenzione! “Non affidate a qualcuno il coordinamento dell’intero evento -mette in guardia Ilaria wedding planner di Le mille e una nozzePotrete affidare alla mamma, alla sorella, alla testimone piccoli ma fondamenali compiti quali quello di avere a portata di mano un piccolo kit di emergenza  che conterrà ago e filo sia chiaro che scuro (per l’abito dello sposo, ormai è compito vostro occuparvi anche di lui…!) , un fazzoletto candido per le lacrime di commozione, fiori di bach per scongiurare la tensione se siete molto emotive, salviettine deodoranti, un campione del vostro profumo, un paio di calze di ricambio, cerotti compeed”. Ma affidare l’intera regia a un familiare fidato è un errore di cui potreste pentirvi molto facilmente.

Matteo De Stefano - FotografoScopri di più su “Matteo De Stefano - Fotografo”
Matteo De Stefano – Fotografo

Presegue IlariaE’ importante che gli sposi, nel giorno delle nozze, siano rilassati e possano dedicarsi totalmente agli ospiti senza pensieri, per questo è fondamentale un ‘regista’ della giornata che possa occuparsi di tutti i dettagli come l’allestimento del tableau de mariage, il coordinamento dei fornitori, la preparazione della confettata e dell’angolo delle bomboniere, la cura di dettagli magari curati dagli sposi stessi; quasi tutte le agenzie di wedding planning offrono il servizio di ‘wedding day coordination’...”.

5. Lui chi è? Ma perché l’hai portato con te?

Un altro classico che genera – giustamente – reazioni poco gradite è un invitato che si presenta a sorpresa in compagnia di qualcuno. Nel RSVP specifica di partecipare solo, e invece sbuca con un/a amico/a, così, dal nulla. Che fare? Nulla, purtroppo.

Il Profumo dei fioriScopri di più su “Il Profumo dei fiori”
Il Profumo dei fiori – Foto: L&V Photography

Di sicuro non è un gesto particolarmente educato da parte sua, dato che dimostra di non considerare con il dovuto rispetto l’organizzazione che sta dietro al vostro Grande Giorno ed il budget che l’ha reso possibile, soprattutto se sognate una cerimonia intima. Probabilmente il conteggio finale verrà compensato dagli invitati che all’ultimo non potranno partecipare (eventualità che, si spera, avvenga per motivi validi e non per scuse tanto improvvisate quanto comuni come queste). Rimanendo sul fronte relativo alla lista degli invitati, vi consigliamo di non sottovalutare anche il problema contrario, ovvero predisporre il tutto secondo un numero chiuso: “uno degli inconvenienti che mi capita più spesso – ci rivela Lucia, wedding planner di Confetti a colazioneriguarda la produzione dei materiali, nello specifico inviti di nozze e bomboniere: vietato farle contate! Calcolate sempre un 20% in più rispetto a quanto previsto”.

Inviti a NozzeScopri di più su “Inviti a Nozze”
Il carinissimo invito realizzato da Inviti a Nozze ispirato ai colori del nuovo Zankyou!

E’ d’accordo Ilaria, wedding planner di Le mille e una nozze che consiglia di non risparmiare sul numero di alcuni dettagli: partecipazioni, sacchettini di confetti e bomboniere vanno sempre calcolati in abbondanza! “Ci sono sempre conoscenti che inaspettatamente fanno regali o pensieri a sorpresa, meglio non farsi trovare impreparati con un piccolo ringraziamento!”.

6. Lingue taglienti

Punto delicatissimo: passando per i tavoli, non è da escludere a priori che ti giungeranno all’orecchio frasi poco carine… frecciatine sul menù, critiche più o meno velate sulla location, fino a commenti sull’abito da sposa…

L&V PhotographyScopri di più su “L&V Photography”
L&V Photography – Abito: Marianna Lanzilli

Del resto, ricordate quando vi elencavamo le 6 lamentele più tipiche che si sentono ad ogni matrimonio? Non pensiate di essere al salvo, purtroppo è un grande classico di tutti i matrimoni. Ciò non toglie che, certamente, gli invitati dovrebbero avere il tatto di non lasciarsi scappare giudizi espliciti, così come gli sposi non devono dimenticare che un matrimonio per gli invitati è una festa che permette loro di sentirsi partecipi della gioia dei loro cari, ma anche un impegno che implica spostamenti e costi: normale, quindi, sviluppare una serie di aspettative che non vorremmo – né vorrebbero – venissero deluse.

7. Piccole pesti

E’ dovere di ogni invitato che prenda parte ad un matrimonio con un minore di 10 anni fare di tutto perché non si verifichino situazioni spiacevoli. Un discorso a quattr’occhi con il piccolo invitato perché cerchi di trattenere alcuni comportamenti è una fase preliminare necessaria, così come durante la cerimonia è importante non perderlo di vista perché non corra né grida né faccia i capricci.

Enzo Borzacchiello fotografoScopri di più su “Enzo Borzacchiello fotografo”
Enzo Borzacchiello fotografo

Una soluzione che lasci tutti più tranquilli può essere contrattare un servizio di animazione per matrimoni perché provveda agli invitati più piccini, i quali potranno così trascorrere una giornata piacevole e permettere ai loro genitori di fare altrettanto. Molte coppie, inoltre, decidono di coinvolgere i bimbi in alcune fasi della celebrazione, chiedendo ad alcuni paggetti di portare le fedi all’altare o di precedere la sposa con una manciata di petali. Nonostante le raccomandazioni, alcuni imprevisti sono da mettere in conto: se – come riportava in esempio Anna di The Wedding Enterprise a un certo punto il cuginetto di 5 anni infila il ditino nella torta nuziale per assaggiare la panna montata…. meglio reagire con un sorriso. “Suocera, nipote e amica sono la vostra famiglia, i vostri amici – racconta Anna – sono lì per voi, fanno quel che fanno perché sono lì a celebrare il vostro amore e a raccontare con i loro gesti il vostro essere parte di un tutto che è la vostra vita tutti insieme“. Parole sante!

8. 24-hour-party-people

Se per voi il vostro matrimonio sarà una bellissima festa che sancirà in modo ufficiale il vostro amore eterno, per alcuni invitati potrà essere il pretesto perfetto per fare baldoria con gli amici.

Martina Botti Servizi FotograficiScopri di più su “Martina Botti Servizi Fotografici”
Martina Botti Servizi Fotografici

Non vogliatecene se siamo così diretti, ma a quanti matrimoni avete assistito senza che vi fosse almeno un invitato se non proprio ubriaco fradicio, quanto meno allegro andante come una sinfonia di Mozart? “Capita di frequente – ci racconta Diana di WeddingUp-Eventi  – che un ospite confonda il significato della parola ‘festa': ed è una situazione difficile ed imbarazzante dover rammentare che la ‘festa’ dev’esser oggetto di gioia e non di difficolta e/o disturbo tali da rovinarne il senso…” Quindi, se da un lato raccomandiamo agli invitati di divertirsi cercando di non esagerare, dall’altro invitiamo gli sposi a considerare che un matrimonio è in primis una festa con musica, alcool e balli. Non pretediamo che reagiate con un sorriso allo zio fradicio che cade su sé stesso trascinando a terra i bicchieri per il brindisi e magari macchiando il vestito della sposa con l’ennesimo cocktail multicolor, ma mettere in conto che vi siano dei momenti in cui gli invitati si lascino andare è assolutamente richiesto.

Lorenzo PhotographyScopri di più su “Lorenzo Photography”
Lorenzo Photography

Un modo per arginare atteggiamenti sfrenati potrebbe consistere nell’evitare tempi morti durante i festeggiamenti.  A tal proposito consiglia Ilaria di Le mille e una nozze di fare attenzione in particolar modo ai tempi del fotografo: “un errore molto comune è quello di dedicare troppo tempo agli scatti della neo coppia che finisce per ‘abbandonare’ il ricevimento, di solito al momento dell’aperitivo, talvolta senza nemmeno dare disposizione al catering di servire il cibo agli ospiti. Tutti gli invitati sono lì per voi, non è bello farli attendere troppo: tempo massimo consentito per le foto da soli mezz’ora, poi sarà il bravo fotografo a cogliere i momenti più belli degli sposi insieme ai propri invitati”.

9. Regali sgraditi

Un altro episodio che potrebbe rovinarvi la festa è il momento dei regali. Diciamolo, il regalo di nozze crea difficoltà tanto per chi deve sceglierlo come per chi deve scartarlo e, magari, fingere una reazione di gioia e riconoscenza di fronte a un pensiero poco gradito.

Luigi Bruno FotografoScopri di più su “Luigi Bruno Fotografo”
Luigi Bruno Fotografo

Sugli invitati si scatena una pioggia di dubbi che vanno da ‘quanto spendere?’ a ‘cosa prendere?’ passando per ‘chissà se già ce l’ha/se gli serve/se  gli piace’ etc etc. Non va molto meglio agli sposi che potranno restare delusi dinnanzi ad un regalo poco gradito o inutile, ma anche di scarso valore economico. Come facilitare le cose ad entrambe le parti? Scartata la scelta di inserire l’IBAN nelle partecipazioni (che orrore!), Zankyou può offrirvi una validissima alternativa per permettere ai vostri cari di partecipare ai vostri desideri in modo pratico, discreto ed interattivo. Basterà accedere a zankyou.com, creare un profilo gratuito al cui interno inserire senza alcun limite programmi, foto, video, mappe e tutto ciò che riterrete utile, e nella sezione lista nozze presentare idee virtuali per le quali cui ciascuno potrà versare un libero contributo. Gli sposi riceveranno gli importi direttamente sul conto e saranno liberi di scegliere come, quando, dove e se spenderli! Avrete evitato loro andirivieni in centri commerciali e negozi ed avrete assicurato a voi stessi la libertà di ricevere somme da utilizzare per quello che davvero desiderate… mica male, no?

10. Testa tra le nuvole

“Un altro fattore da non sottovalutare – ci racconta Manuela di Agnese sogna sempresono le piccole dimenticanze e distrazioni: mi è capitato più volte di vedere invitati andare via senza ritirare la propria bomboniera perché in quel momento gli sposi stavano ballando, cantando o quanto altro. Se sappiamo che questa dimenticanza è dietro l’angolo chiediamo ad un’amica, alla testimone o alla mamma di occuparsene”. E’ giusto infatti che gli sposi possano godersi la festa senza inseguire gli invitati più sbadati: il loro ‘lavoro’ sarà stato svolto nei mesi precedenti, ma il Grande Giorno è solo loro e devono goderne ogni singolo istante senza preoccupazioni!

Marta Buso PhotographerScopri di più su “Marta Buso Photographer”
Marta Buso Photographer

Ma come sfruttare al massimo ogni momento della cerimonia? Ci risponde Ilaria, wedding planner di Le mille e una nozze: “La chiave perché il nostro matrimonio sia un successo sta nell’ avere una ‘tabella di marcia’ della giornata condivisa da tutti i fornitori: stabilire una scaletta con i tempi e gli orari indicativi per i vari momenti, dalla cerimonia, al ricevimento, è molto utile perché tutti abbiano idea di cosa si farà e quando. Dalla durata dell’aperitivo, al tempo per qualche foto degli sposi soli con il fotografo, alla durata della cena, al taglio della torta: è importante che tutto abbia un’indicazione di orari in modo che non si sfori con i tempi e non ci siano tempi morti”.

Per concludere il decalogo, IL Consiglio con la C maiuscola: non arrivare al giorno delle nozze senza aver fatto una piccola pausa relax! E’ questa l’esortazione che sempre Ilaria di Le mille e una nozze rivolge a tutte le nostre spose in ascolto: “il rischio di esplodere per il troppo stress è altissimo, quindi meglio prendere un paio di giorni per staccare completamente la mente dai preparativi e assaporare il momento!”.

LABZERODUE Creative AgencyScopri di più su “LABZERODUE Creative Agency”
LABZERODUE Creative Agency

Questa guida ha l’obiettivo di essere utile sia per gli sposi, perché mantengano i nervi saldi senza convertirsi in una paranoica Bridezilla sia per gli invitati, che sappiano come comportarsi: perché ogni loro atteggiamento ha delle conseguenze, a partire dalla scelta dell’outfit

Aziende che ti possono interessare

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Crea un fantastico sito web gratuito per il tuo matrimonio in soli due click

100% personalizzabile con centinaia di grafiche tra cui scegliere Vedere altre grafiche >

Lavori nel settore matrimoni?
Se hai un'azienda o sei un professionista del settore wedding, Zankyou ti dà l'opportunità di far conoscere la tua attività a migliaia di coppie che scelgono noi per organizzare il loro matrimonio in più di 19 Paesi Maggiori informazioni