IT Login
IT

Fame nervosa e strappi alla dieta, i dilemmi della sposa-sporty. Come gestirli? Ne parliamo con gli esperti di Melarossa

Lindsey Wixson in Moschino autunno/inverno 2015, con il suo abito da sposa fitto di "nutritional facts". Frame da video sfilata, canale Moschino su YouTube

Non ci meraviglieremmo se, nel suo incedere flessuoso all’altare, indossasse un abito da sposa fitto di valori nutrizionali a mò di memento, come quello proposto da Jeremy Scott per Moschino nella collezione autunno/inverno 2015.

È la sposa-sporty, completamente immersa in quella filosofia di vita certamente ammirevole, un tantino new-age, che concepisce il proprio corpo come un tempio, e come tale lo tratta, devotamente puntigliosa nel calcolo calorico quanto uno zelante ragioniere nella chiusura dei conti dell’anno fiscale.

A maggior ragione, con l’avvicinarsi della data in cui dovrà pronunciare il fatidico sì lo voglio, la sposa sporty è più che mai ferma nel suo obiettivo di vita: l’album fotografico nuziale non può e non deve coglierla impreparata, neanche in un millimetro del suo tonicissimo personale.

Francesca ForniScopri di più su “Francesca Forni”
Un modello della collezione 2014 di Francesca Forni, perfetto per una sposa dalla silhouette perfetta!

Ma, cieca ed insensibile alle emozioni altrui, c’è una strega cattiva che è pronta ad assalire ogni vivente appartenente al genere umano, soprattutto nell’approssimarsi di circostanze importanti quali – che so – un esame all’università, il colloquio per il lavoro dei propri sogni… e, ovviamente, il matrimonio.

Subdola com’è, questa megera – che prende il nome di ansia – mette in campo un temibile nemico per qualsiasi sposa, a maggior ragione per quella sporty (avete presente la kriptonyte per Superman?): trattasi della fame nervosa, meccanismo psicologico che generalmente porta a svaligiare frigoriferi e dispense con la stessa agilità di Lupin III coi Gioielli della Corona.

Ulteriore motivo di ansia per la sposa sporty è la premura di voler diffondere urbi et orbi la propria filosofia, accompagnata da un secco no all’idea di doversi ingozzare come una tacchinella durante il giorno del proprio .

Come gestire tali affanni? Lo abbiamo chiesto al dottor Luca Piretta, nutrizionista della SISA (Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione), che collabora in maniera continuativa con Melarossa, eccellente portale web attraverso il quale costruire il proprio regime alimentare personalizzato.

Screenshots dall'utilissima app di Melarossa, consigliata anche dalla rivista ufficiale di Altroconsumo!

Zankyou: Bentornato su Zankyou, dr. Piretta, e di nuovo grazie per la sua disponibilità, nell’offrirci la sua preziosa competenza!

Una sposa prossima all’altare è un tabernacolo di gioia, certo, ma anche di emozioni contrastanti, di dubbi, di ansie da prestazione preliminari. Ed eccola lì, pronta ad assalirci come un ghepardo in mezzo ad un branco di gazzelle insonnolite, la fame nervosa, che poco si cura della taglia – priva di margini di errore per eccesso – di un vestito da sposa.

Quali consigli può fornire alle nostre spose, in vista dell’agognata immobilizzazione del ghepardo di cui sopra?

Melarossa: La fame nervosa è molto comune, ed è difficile dare una risposta – visto che ha poco a che fare con la nutrizione.

La “voglia” di mangiare è spesso dettata da stress, paure, ansie che si riversano sul cibo.

Il consiglio è quello di concentrarsi sulle reali cause di malessere, e combattere quelle. Inoltre, è molto utile darsi delle regole da rispettare: fissare degli orari per pasti e spuntini e, al di fuori di quelli, “sgranocchiare” verdure crude a volontà che sono un’ottima fonte di vitamine e sali minerali in pochissime calorie. Distrarsi è poi un’altra astuzia: in genere l’attacco di fame nervosa dura poco, e se in quel frangente si riesce a resistere (facendo una telefonata, uscendo per una passeggiata o comunque concentrandocisi su qualcosa di piacevole), si può superare, evitando di entrare nella spirale dei sensi di colpa e delle insoddisfazioni (nuovi motivi che provocano la fame nervosa).

Gioconda CateringScopri di più su “Gioconda Catering”
Appetizers finger-food serviti da Gioconda Catering, ottimo compromesso per concedersi pietanze deliziose, senza rinunciare alla linea

Zankyou: La cura della propria persona diventa sempre più un valore assoluto, tanto nelle donne, quanto negli uomini, ed un’alimentazione sana si configura come una vera e propria colonna portante, all’interno di una filosofia che concepisce il corpo di ciascuno di noi come un tempio.

Sono molti, in effetti, gli sposi che scelgono di abbracciare il proprio regime nutrizionale anche per quanto riguarda la proposta del menu di nozze, come esempi di illustri vegani ci hanno dimostrato.

Per contro, uno dei pregiudizi più difficili da estirpare è quello secondo il quale tutti gli alimenti più buoni sono anche quelli che fanno più ingrassare… Penso, ad esempio, all’interno di un banchetto nuziale, a tutte quelle piccole delizie peccaminose, ipercondite e frittissime, servite durante l’aperitivo, ma anche alla seconda regina incontrastata del matrimonio, dopo la sposa: la torta nuziale.

A suo avviso, è possibile coniugare nel proprio menu di nozze l’appagamento del gusto ad un apporto calorico assennato, anche durante l’aperitivo ed all’entrata in scena della wedding cake?

Melarossa: Negli ultimi anni, i menù nuziali si sono ridimensionati, nelle porzioni e nelle portate, seppure l’apporto calorico resti molto alto per un unico pasto. Si parla però di un giorno di festa e, come si sa, uno strappo inserito in una alimentazione corretta è accettabile.

I singoli invitati e gli sposi dovrebbero essere coscienti che le golosità di quel giorno devono essere limitate a quel giorno e, comunque, sapersi contenere nelle porzioni.

Nessun alimento è proibito, ma la piramide alimentare insegna che alcuni cibi vanno mangiati con moderazione e saltuarietà.

La piramide alimentare, fondamento della universalmente riconosciuta dieta mediterranea

Ancora mille grazie al dr. Piretta e a Melarossa, utile alleato nella costruzione di un regime alimentare personalizzato che permetta di raggiungere i propri obiettivi, supportati dalla competenza dei migliori esperti.

Allo stesso modo, per rendere la sposa – quella sporty, ma anche quella lazy… – ancora più bella, affidatevi alla directory di Zankyou, all’interno della quale troverete centinaia di eccellenti professionisti del mondo wedding, suddivisi per categoria e per città di provenienza; ad esempio, make-up artists come Virginia Guidotti ed hair designers come Hairforce, a Firenze, sapranno certamente enfatizzare trucco e parrucco di una sposa che, libera da qualsivoglia tipo di ansia, saprà essere ancora più splendida!

Aziende che ti possono interessare

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Maggiori informazioni

Lascia un commento

Crea un fantastico sito web gratuito per il tuo matrimonio in soli due click

100% personalizzabile con centinaia di grafiche tra cui scegliere Vedere altre grafiche >

Lavori nel settore matrimoni?
Se hai un'azienda o sei un professionista del settore wedding, Zankyou ti dà l'opportunità di far conoscere la tua attività a migliaia di coppie che scelgono noi per organizzare il loro matrimonio in più di 19 Paesi Maggiori informazioni