IT Login
IT

Become a Wedding planner: un’opportunità imperdibile per chi vuole fare dell’amore la sua professione

Ottobre, mese davvero intenso per gli operatori del settore wedding, nonché periodo interessante per chi decide di sposarsi, come abbiamo visto qui. Tra la fiera Roma Sposa e Milano Sposi di Assago, moltissimi sono stati gli appuntamenti per chi è alle prese con l’organizzazione delle proprie nozze, ma anche per gli addetti ai lavori e, più in generale, per gli amanti di decorazioni & co.

Paola Colleoni Photography

Con grande gioia abbiamo preso parte a L’Orto delle Arti organizzato dalla wedding planner Monia Re di Kairos e The Love Affair organizzato da Cristina de Le Jour du Oui e Sofia de Il Profumo dei Fiori, solo per citare i più recenti, per constatare con gioia come la qualità dei servizi offerti alle coppie di futuri sposi sia in evidente aumento.

Sollazzi studioScopri di più su “Sollazzi studio”
Sollazzi studio

Tutto ciò è reso possibile grazie alla presenza di professionisti che mettono la loro passione, il loro entusiasmo e la loro esperienza al servizio di coppie di futuri sposi che vogliano coronare il loro sogno. Tra questi esperti, un posto fondamentale è occupato dai wedding planner, che, come un direttore d’orchestra, coordina ogni step per assicurare la perfetta riuscita dell’evento senza stress né preoccupazioni per gli sposi. Sul come e perché scegliere un wedding planner ci siamo già soffermati in questo interessante articolo: mentre oggi vorremmo concentrarci su chi è interessato a specializzarsi in questa professione, sempre più richiesta in questi ultimi anni.

In Italia sono numerosi i corsi dedicati a formare e specializzare professionisti che decidono di occuparsi dell’ organizzazione di un matrimonio dalla A alla Z. In particolare, ci teniamo a segnalarvi le molteplici attività organizzate dalla Komax, società milanese che dal 2005 si occupa di nuove professioni organizzando workshop mirati, anche grazie al coinvolgimento di volti noti del mondo degli eventi, della comunicazione e della moda. Durante l’ultimo weekend di ottobre è stato organizzato una 3 giorni no stop dedicata a chi voglia fare della propria passione per i matrimoni una professione, grazie a professionisti del calibro di Carla Gozzi, Giorgia Fantin BorghiGiuliana ParabiagioMarta MerliniMonia ReChiara BesanaSilvia Lora RoncoEmanuel GalimbertiFederica Visconti, docenti dei vari corsi impartiti presso la sede milanese.

Il successo del corso ha già confermato una nuova edizione per la prossima primavera: Become a Wedding Planner torna a Komax durante i giorni 11, 12 e 13 marzo 2016!

Foto via Komax srl

Ma lasciamo ora la parola ai protagonisti di questa interessante iniziativa, a partire da Connie Calisei, l’organizzatrice del Corso Komax.

1. Tiriamo le somme: come è andato il weekend di workshop?

E’ stato, come sempre, un Workshop impegnativo ed intenso. Molti i professionisti coinvolti, numerose le tematiche trattate, approcci e punti di vista diversi. Sono state giornate ricche di passione e contenuti: un vero tour de force per tutti, dai partecipanti ai docenti e anche per noi dell’organizzazione. La soddisfazione a fine corsa? I feed back dei nostri studenti!

2. E’ già prevista una prossima edizione?

La prossima edizione di Become a Wedding Planner si terrà a Milano nei giorni 11-12-13 Marzo 2016; confermato anche l’appuntamento con il Modulo di Destination Wedding Planner, sapientemente condotto da Elisa Mocci, il 14 Marzo.

3. Qual era l’obiettivo del corso e a chi si rivolgeva?

Become a Wedding Planner si rivolge a tutti gli aspiranti Wedding Planner, ed ha come obiettivo principale quello di trasferire la passione ma soprattutto i contenuti e le competenze necessarie per svolgere questa professione. Nel nostro Corso la parola è lasciata ai massimi esperti del settore Wedding in Italia; riteniamo infatti fondamentale che ad insegnare siano fonti autorevoli, che svolgono la professione da anni e con approcci diversi. Fondamentale per completare il percorso di studio, è poi la giornata di Stage presso la meravigliosa Cascina Boscaccio, che permette agli studenti di mettere in pratica tutto ciò che hanno appreso durante le giornate di teoria, dagli allestimenti, alla regia del matrimonio.

Paola CalamaràScopri di più su “Paola Calamarà”
Paola Calamarà

Cosa ci raccontano, invece, i professionisti che hanno impartito i vari corsi susseguitisi durante il workshop? A loro la parola.

1. In cosa consisteva il tuo intervento durante il corso?

Federica Visconti, Silovoglio: Il mio è stato un intervento rapido sulle Wedding Cakes e sulle Sweet Table. Ho voluto dare un’infarinata sui vari tipi di impasti, creme e differenze che ci sono in questo mondo.

Giorgia Fantin Borghi: Sono la docente di “Galateo del Matrimonio”, insegno ai partecipanti le regole fondamentali della composizione delle partecipazioni e di tutti gli altri stampati relativi alle nozze, le norme di condotta relative alla “netiquette” quindi gestione dei social network e dei siti di nozze ma mi occupo anche del galateo in chiesa e in municipio con cenni al corteo nuziale terminando con principi di base della mise en place e della gestione del ricevimento in sala.

Monia Re: Il mio intervento era focalizzato sull’avviamento dell’attivita’ di un wp, la creazione dell’immagine e l’utilizzo di tutti gli strumenti di comunicazione e marketing strategico a disposizione nell’era 2.0. L’analisi di un business plan e l’approfondimento della certificazione rilasciata da FAC CERTIFICA, ente accreditato nel 2007 da ACCREDIA, che rilascia la certificazione ai professionisti, secondo quanto prescritto dalla norma ISO/IEC 17024.

Marta Merlini: Sono la coordinatrice del corso Become a wedding planner, ed il mio intervento riguarda un aspetto molto importante di questa professione, quale la selezione e la gestione dei fornitori . Il Wedding Planner è un consulente dell’organizzazione, un vero e proprio direttore d’orchestra, tutto deve essere armonico e la sinfonia perfetta: per far ciò bisogna selezionare validi fornitori da monitorare in tutta la fase di preparazione e coordinarli il giorno dell’evento. Organizzare un matrimonio significa infatti gestire tempi, risorse, budget e fornitori.

Fotografia AmoreScopri di più su “Fotografia Amore”
Fotografia Amore

2. Qual è il messaggio principale che ti premeva comunicare alle alunne?

Federica Visconti, Silovoglio: Non lasciarsi influenzare dai media su questo tema, siamo in Italia e il gusto deve essere italiano, non possiamo immaginare che ad una coppia di Roma piaccia la stessa torta che a una coppia di Los Angeles.

Giorgia Fantin Borghi: Fondamentalmente che è necessario conoscere a fondo le regole per poterle trasgredire. Solo chi ha davvero “in mano” il mestiere può permettersi di fare scelte che si allontanano dai dettami più stretti del galateo senza incorrere in terrificanti scivoloni di stile. La formazione è alla base di ogni professione che possa dirsi davvero tale e quella del Wedding planner lo è senza alcun dubbio.

Monia Re:  Per creare un’agenzia bisogna strutturare bene le sue fondamenta. Basi solide, come per la costruzione di casa. Se si analizza bene il mercato nel quale si vuole posizionare l’attività, si studiano i futuri clienti e si fa un’analisi dei costi ben ponderata – correlata da un adeguato business plan – la strada sara’ piu’ facile e porterà a risultati più soddisfacenti.

Marta Merlini: Vorrei trasmettere che questa è una professione meravigliosa e non bisogna mai dimenticarsi che ci vogliono sempre tanta umiltà e spirito di sacrificio.

Damiano ErricoScopri di più su “Damiano Errico”
Damiano Errico

3. E qual è l’insegnamento più grande che porti a casa in seguito a questa esperienza?

Federica Visconti, Silovoglio: Insegnare è sempre bello, vedere occhi traboccanti di sogni dà la carica giusta!

Giorgia Fantin Borghi: Ogni volta cerco modi sempre diversi e meno cattedratici di insegnare, questo è per me un notevole esercizio mentale davvero molto stimolate che, anche dopo tanti anni di insegnamento, mi permette di portare a casa quegli sguardi pieni di stupore ed eccitazione che fanno sentire un docente fiero di aver instillato nei suoi allievi il prezioso seme della scoperta.

Monia Re: Ogni volta in aula è uno scambio reciproco. Noi mettiamo a disposizione la nostra decennale esperienza e loro ci incuriosiscono con domande e affermazioni che ti aiutano a metterti in gioco e a migliorarti. Ogni volta c’è qualcuno o qualcosa che ti fa riflettere e che ti aiuta a “correggere il tiro” sul tuo modo di lavorare. Suggerimenti, spunti, domande, sorrisi, perplessità. Tutto in aula è interessante e formativo per entrambi! E poi si crea affiliazione, si conoscono nuove persone e questo aiuta a creare una sinergia nel mondo del wedding.

Marta Merlini: Mi ha contagiato l’energia dei corsisti, con tanta voglia di rimettersi in gioco stravolgendo a volte le loro vite!

Federico Miccioni PhotographerScopri di più su “Federico Miccioni Photographer”
Federico Miccioni Photographer

Ringraziamo di cuore docenti ed organizzatrici per aver condiviso con noi questa splendida esperienza!

Aziende che ti possono interessare

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Maggiori informazioni

Lascia un commento

Crea un fantastico sito web gratuito per il tuo matrimonio in soli due click

100% personalizzabile con centinaia di grafiche tra cui scegliere Vedere altre grafiche >

Lavori nel settore matrimoni?
Se hai un'azienda o sei un professionista del settore wedding, Zankyou ti dà l'opportunità di far conoscere la tua attività a migliaia di coppie che scelgono noi per organizzare il loro matrimonio in più di 19 Paesi Maggiori informazioni