IT Login
IT

Alla riscoperta del gusto: selezione di ristoranti per matrimoni a Milano, abbinati ad una ricetta tipica della cucina lombarda

Matrimonio lombardo degli anni '50. Via belgioiosoracconta.com

La riscoperta della tradizione è una irresistibile tendenza che caratterizza i nostri travagliati anni, fondata su una equilibrata mistura di nostalgia e curiosità dei bei tempi andati, che investe con il suo fascino retrò da vecchia saggia ogni campo di azione umana – dallo stile, con l’esplosione del vintage, alla cucina, con la valorizzazione di quelli che ormai portano il consolidato nome di menu della tradizione.

A partire dalle peculiarità tipiche della Regione italiana che esaltano, i menu della tradizione italiana e regionale sono sempre più apprezzati dalle nostre coppie di futuri sposi – vuoi in aperto omaggio rispettoso del passato e delle proprie origini, vuoi fautori di quell’atteggiamento sospiroso del si stava meglio quando si stava peggio.

Una cosa è certa: le tradizioni italiane hanno ben donde di essere omaggiate, perché in ogni campo all’interno del quale vengano riesumate, emerge sempre uno splendido fil rouge, dato dalla cura dei particolari e dall’amore per la propria terra.

Oggi ci rivolgiamo dunque ai futuri sposi meneghini, proponendo loro una selezione di ristoranti per matrimoni a Milano che offrono, tra i loro valori aggiunti, piatti che si rifanno direttamente alla tradizione culinaria lombarda.

La Pobbia 1850Scopri di più su “La Pobbia 1850”
Ossobuco in Gremolada con Risotto alla Milanese. Courtesy: La Pobbia 1850

Ognuna di queste locations presenta i comuni denominatori dell’estrema accoglienza e piacevolezza del posto, dell’accurata qualità del servizio, della comprovata esperienza decennale – quando non centenaria – nell’organizzazione di banchetti nuziali indimenticabili.

Ruggero Farina FotografoScopri di più su “Ruggero Farina Fotografo”
Più le cose cambiano, più restano le stesse... e la cosa non può fare che piacere, quando si tratta di esperienza e tradizione! Credits: Ruggero Farina, Milano

Ognuna di queste locations, inoltre, propone ricette della cucina lombarda talmente deliziose, che varrebbe la pena sposarsi per il solo piacere di condividerle con le persone care!

Ecco dunque il nostro menu – di ristoranti milanesi, e di altrettanti piatti che, come direbbero quelli che se ne intendono, meritano a pieno titolo il bollino STG (= Specialità Tradizionali Garantite) per la loro squisitezza, rinvenuta da una ricca ed insostituibile tradizione.

La Pobbia 1850… e i Mondeghili

Lo charme di uno degli ambienti insigniti con prestigiosi sigilli (Locale Storico d’Italia per il Ministero dei Beni e Attività Culturali, e marchio DeCADenominazione di Cucina Ambrosiana, per la Camera del Commercio di Milano); una lunga tradizione nel campo della cucina milanese; la quiete di un magico déhor climatizzato, affacciato sul giardino interno in estate, e il fascino di grandi camini che riscaldano le ampie ed eleganti sale in inverno; la calda accoglienza della Famiglia Anzaghi, da tre generazioni alla guida del locale…

La Pobbia 1850Scopri di più su “La Pobbia 1850”
La Pobbia 1850

Questi gli ingredienti, assieme alla cura dell’alta cucina e all’ambiente di confortevole ricercatezza, che fanno de La Pobbia 1850, nel cuore di Milano, una location perfetta per rendere ogni ricevimento di nozze indimenticabile.

La Pobbia 1850Scopri di più su “La Pobbia 1850”
La Pobbia 1850

Oggi, come nel passato, la volontà di recuperare i piatti più tipici della tradizione culinaria meneghina sono uno dei tratti distintivi de La Pobbia, punto di vanto di un menu all’interno del quale troverete la sezione dedicata espressamente alle Specialità de la Tradizion Milanesa – interamente trascritto in dialetto meneghino, grazie al prezioso contributo del Circolo Filologico Milanese.

Tra di esse, splendidi finger-food della tradizione ambrosiana se serviti in dimensioni più piccole, i Mondeghili, piatto povero di recupero – differente dalle polpette, per la loro forma schiacciata e per l’uso di manzo avanzato (e non di carne trita) – prevedono un impasto arricchito con salsiccia, salame o mortadella di fegato, pane intriso di latte, uova con albumi montati a neve, formaggio Grana e noce moscata, fritti nel burro rosso.

La Pobbia 1850Scopri di più su “La Pobbia 1850”
La Pobbia 1850 e i Mondeghili

A La Pobbia 1850, i Mondeghili vengono serviti splendidamente accompagnati dall’insalata di nervetti e dall’involtino di verza, altri meravigliosi piatti tipici recuperati direttamente dalla tradizione regionale che esaltano.

Borgo Bagnolo… e i Tortelli di Zucca

Borgo BagnoloScopri di più su “Borgo Bagnolo”
Borgo Bagnolo

Poco distante dall’Abbazia di Chiaravalle, alle porte di Milano – immerso tra filari alberati, siepi fiorite e giardini tematici – si trova Borgo Bagnolo, location nata dalla ristrutturazione di un antico borgo, ottima cornice matrimoniale grazie alla sua ampia sala per ricevimenti di 250 mq, completamente circondata dal verde e luminosissima, grazie alle porte-finestre in stile inglese, con parquet e grandi travi a vista; oltre alla sala interna, Borgo Bagnolo dispone di un suggestivo porticato esterno, anch’esso in mattoni a vista e travi d’epoca.

Borgo BagnoloScopri di più su “Borgo Bagnolo”
Borgo Bagnolo

Accorgimenti che fanno di questo rinomato ristorante la culla ideale per permettere ai vostri ospiti di scoprire quanto di buono c’è nella tradizione gastronomica lombarda, i cui sapori e profumi, rivisitati sapientemente, sono le componenti fondamentali della loro Carta Menu.

All’interno di essa, vogliamo proporvi nel nostro menu lombardo ideale i Tortelli di Zucca, piatto tipico della tradizione mantovana, molto particolare dal punto di vista del gusto e del sapore: alla dolcezza naturale della zucca e degli amaretti si unisce infatti il sapore leggermente piccante della mostarda mantovana, meglio se di pere, che conferisce al ripieno il suo inconfondibile, delizioso sapore pungente.

Borgo BagnoloScopri di più su “Borgo Bagnolo”
Borgo Bagnolo e i Tortelli di Zucca

A Borgo Bagnolo, i tradizionali tortelli di zucca mantovani vengono delicatamente arricchiti, grazie all’accostamento del foie-gras e del burro aromatizzato al timo-limoncello.

Antico Podere di Rezzano… e l’Orecchia di Elefante

Non inorridite: Orecchia di Elefante non è altro che uno dei nomi che si usa dare alla tipica Cotoletta/Costoletta di vitello alla Milanese, nella sua versione leggermente battuta, e così detta per la sua forma, che ricorda proprio gli sventolanti orecchi dei pachidermi. Fritta nel burro chiarificato, per anni essa è stata al centro di una disputa tra Milano e Vienna, la cui Wiener schnitzel è tuttavia diversa – nella carne impiegata (generalmente, fesa di maiale) e nell’impanatura (prima nella farina, poi nell’uovo e infine nel pangrattato, laddove nella costoletta alla milanese non è previsto l’uso della farina).

C’è poi la cosiddetta costolettina alla milanese, che impiega lo stesso procedimento e lo stesso taglio, ma con la carne dell’agnello: la rivisitazione che ne dà l’Antico Podere di Rezzano è quella di una tradizione declinata in tre diversi profumi, grazie alla panatura classica aromatizzata alle erbe, a quella ai semi di papavero, e a quella ai semi di sesamo.

Antico Podere di RezzanoScopri di più su “Antico Podere di Rezzano”
Antico Podere di Rezzano e le costolettine alla milanese

Del resto, questa location è estremamente ricettiva alla riscoperta della tradizione, offrendo periodicamente degustazioni che esaltano i sapori tipici della cucina lombarda.

Antico Podere di RezzanoScopri di più su “Antico Podere di Rezzano”
Antico Podere di Rezzano

Il Podere, immerso in 7000 metri quadri di parco con secolari piante ornamentali, a pochi chilometri da Milano, offre un ampio ed elegante salone interno, con un imponente camino e suggestivi porticati dai quali accedervi, ed un giardino allestito con raffinati gazebo, cui fa da cornice una splendida piscina.

Antico Podere di RezzanoScopri di più su “Antico Podere di Rezzano”
Antico Podere di Rezzano

Confinante alla location vi è il Santuario della Madonna di Rezzano, risalente al 1570, dove è possibile celebrare il rito religioso; ma, qualora optaste per la cerimonia civile, l’Antico Podere offre la possibilità di allestirlo sul romantico sfondo del proprio lussureggiante parco.

Casale San Vito… e la Pulénta Üncia

Casale San VitoScopri di più su “Casale San Vito”
Casale San Vito

A San Vito di Gaggiano, alle porte di Milano, Casale San Vito è un’antica ed elegante residenza lombarda di fine ‘700.

Uno splendido parco, ricco di alberi e fiori, circonda il caseggiato, da dove si estende un percorso di golf; all’interno di esso, la struttura offre la possibilità di celebrazione di matrimoni civili in loco.

Casale San VitoScopri di più su “Casale San Vito”
Casale San Vito

La costruzione originaria, completamente restaurata, mantiene intatta tutta la sua storia, e si fonde all’unisono con il design ricercato dei suoi arredi interni. L’ambiente raffinato, la curatissima cucina del ristorante, il fascino antico di una tradizione lombarda ancora presente nei suoi profumi e sapori, rendono il Casale San Vito un luogo adatto a ricevimenti nuziali esclusivi, con l’intera struttura a vostra unica disposizione, sia nell’ampio salone che nel soppalco, sormontato da travi a vista e arcate di pietra.

Casale San VitoScopri di più su “Casale San Vito”
Casale San Vito

Tra l’ampia scelta di menu per matrimoni, a Casale San Vito la tradizione della cucina lombarda convola a nozze con il glamour contemporaneo: in particolare, nel menu finger-food deluxe, la golosa Pulénta Üncia – piatto della tradizione a base di polenta fusa con formaggio e burro – diventa un grazioso, tanto quanto delizioso, mini-tortino di polentina, con cuore di formaggio morbido.

Casale San VitoScopri di più su “Casale San Vito”
Casale San Vito e la polenta uncia

Per accontentare tradizionalisti, gourmet… ed inguaribili fashionisti.

I Chiostri di San Barnaba… e la Barbajada

I Chiostri di San BarnabaScopri di più su “I Chiostri di San Barnaba”
I Chiostri di San Barnaba

Alle spalle del Tribunale di Milano, in un convento del XV secolo con chiostri e giardini lussureggianti, vicino alla Biblioteca Sormani – e poco distante dalla Rotonda della Besana e da Piazza Duomo – vi attende un angolo della città da scoprire ed amare, splendido per un matrimonio all’insegna dell’arte e dell’eclettismo.

I Chiostri di San BarnabaScopri di più su “I Chiostri di San Barnaba”
I Chiostri di San Barnaba

I Chiostri di San Barnaba rappresentano infatti una location innegabilmente ricca di fascino e di storia, arredata in uno stile all’insegna del minimalismo: una tela bianca tutta da personalizzare durante i vostri ricevimenti, peraltro arricchita da esposizioni bimestrali di opere di artisti contemporanei.

Presso I Chiostri di San Barnaba si organizzano meravigliosi ricevimenti – sia all’interno della sala ristorante, che nei quattro chiostri che lo circondano, tra magnolie e glicini, che nello splendido Salone degli Affreschi, antico refettorio del convento di circa 300 metri quadri, caratterizzato da pregevoli opere d’arte eseguite tra la fine del 1400 ed i primi del 1500, riportate al loro antico splendore grazie ad una recente opera di restauro.

I Chiostri di San BarnabaScopri di più su “I Chiostri di San Barnaba”
I Chiostri di San Barnaba

Il menu dei Chiostri propone piatti della tradizione milanese, e cambia ogni mese per garantire la genuinità e la freschezza delle materie prime di stagione. Interprete di questa filosofia gastronomica fondata sulla rivisitazione della tradizione è il giovane chef Giancarlo De Simone, alla cui grande attenzione per gli ingredienti corrisponde una presentazione del piatto sempre curata in ogni minimo dettaglio: ai Chiostri, il cibo non è solo una questione legata al gusto, ma anche all’estetica.

I Chiostri di San BarnabaScopri di più su “I Chiostri di San Barnaba”
I Chiostri di San Barnaba

Tra i dolci tipici della tradizione milanese, per concludere il nostro viaggio alla scoperta di un menu tipicamente lombardo servito nelle più belle locations per matrimoni a Milano, oltre al celeberrimo Panettone, ci sono anche alcune ricette golose: è il caso della Barbajada, che prende il suo nome da Domenico Barbaia – ex barista divenuto impresario del Teatro alla Scala, che l’ avrebbe inventata nella prima metà del 1800. La Barbajada è una squisita bevanda densa, i cui ingredienti sono cioccolato fondente, caffè, latte e panna in uguali proporzioni; la creatività di Giancarlo De Simone l’ha sposata al tiramisù, sortendone un dessert al cucchiaio tipico ma innovativo, tanto quanto semplicemente delizioso.

Un percorso sensoriale alla scoperta dei gusti antichi, ma arricchiti dall’eclettismo della contemporaneità: tutto ciò, calato in locations eccellenti come quelle di cui vi abbiamo parlato, non potrà che incontrare i favori di ognuno dei vostri invitati, permettendo loro di ricordare il vostro matrimonio con un unico, indiscutibile aggettivo: perfetto.

***

Per assaporare in anteprima il vostro matrimonio, vi segnaliamo L’Aperitivo della sposa, un delizioso evento che si terrà il 24 novembre presso il Parco Gambrinus, per lasciarsi condurre in un percorso di gusto tra alberi secolari ed animali esotici.

Save the Date!

Una location da sogno: da gustarsi fino in fondo!

Aziende che ti possono interessare

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Maggiori informazioni

Lascia un commento

Crea un fantastico sito web gratuito per il tuo matrimonio in soli due click

100% personalizzabile con centinaia di grafiche tra cui scegliere Vedere altre grafiche >

Lavori nel settore matrimoni?
Se hai un'azienda o sei un professionista del settore wedding, Zankyou ti dà l'opportunità di far conoscere la tua attività a migliaia di coppie che scelgono noi per organizzare il loro matrimonio in più di 19 Paesi Maggiori informazioni