IT Login
IT

Abiti per la sposa curvy 2015: quando l’XL diventa l’X Factor!

Curvy è bello, da sposa è meglio! Foto courtesy Allure Bride

In giorni in cui la nostra bella Nazione di santi, navigatori, poeti e wannabe_cantanti è lacerata tra l’anglofilia per Emma e la mengonite di Madh, il disarmante (ma tanto di moda) minimalismo normcore di Mario e la sorte da gatti in tangenziale dei Komminuet, noi sappiamo dirvi con certezza chi ha l’X Factor: la sposa XL!

Spose CosìScopri di più su “Spose Così”
Spose Così

Essere curvy is a state of mind, principalmente nel senso che – come accade alla stragrande maggioranza dell’umanità, quando presa in singolo: vi basti sapere che Naomi Campbell non sopporta la sua fronte, schiaffi alla miseria… – il passo più importante è accettarsi, e soprattutto amarsi. Un po’ come succede alle bionde, che combattono con il pregiudizio dell’essere stupide. Ve lo dice una bionda curvy (modestamente, non mi sono fatta mancare niente)…

Sartoria GrimaldiScopri di più su “Sartoria Grimaldi”
Sartoria Grimaldi

A partire dall’amore e dalla profonda conoscenza della propria fisicità, come vi spieghiamo qui, fondamentale punto di partenza per ogni donna per scegliere ogni tipo di abito – e non solo quello da sposa -, è quello di tenere presente una serie di fattori quali, ad esempio, la struttura ossea, la distribuzione della massa muscolare e quella del tessuto adiposo, che solitamente tende a concentrarsi in zone differenti per ogni donna.

PrimopianoatelierScopri di più su “Primopianoatelier”
Primopianoatelier

Se esso è più presente all’altezza dell’avambraccio, evitiamo abiti con corpetto strapless, ed eviteremo anche l’effetto tricipite che applaude; qualora la più interessata sia la zona lombare o quella dei fianchi, mi permetto di suggerire  di lasciare l’abito da sposa a sirena solo alla dolce Ariel di disneyana memoria; se cosce e polpacci non sono esattamente torniti come una Venere neoclassica, consiglierei messa al bando ed esilio a vita per i vestiti da sposa corti e per gli abiti da cocktail.

Odilia TodeschiniScopri di più su “Odilia Todeschini”
Odilia Todeschini

Così, laddove la fisicità è imponente, la couture (come la nonna) ha sempre un rimedio: se il tessuto adiposo si concentra sull’avambraccio, scegliete un abito da sposa a maniche lunghe; se è all’altezza della fascia lombare e dei fianchi, optate per un vestito da sposa stile impero, o anche per un furbissimo (e glamourosissimopeplum dress; qualora ad essere interessate siano le vostre gambe, via libera agli abiti da sposa taglio princess, romantici e suggestivi.

Atelier MariéeScopri di più su “Atelier Mariée”
Atelier Mariée

Sapete qual è un altro trucco che quelle volpi dei wedding couturiers conoscono ed applicano alla perfezione? Quello della particolare attenzione ai tessuti impiegati, a seconda del taglio dell’abito.

Alessia BaldiScopri di più su “Alessia Baldi”
Alessia Baldi

Così, un mikado o uno shantung in seta avrà un peso specifico ed un ingombro decisamente maggiore rispetto a quello di un abito in chiffon o in organza; tuttavia, affinché un tessuto non aderisca particolarmente a determinate zone-clou, occorre che esso sia sostenuto e definito in sé, come può esserlo un importante taffetà.

Atelier Ana SeguraScopri di più su “Atelier Ana Segura”
Atelier Ana Segura

Al contempo, le applicazioni in strass, swarovski, i ricami (come quelli splendidi della collezione 2015 di Pronovias) o i fiori in tessuto non svolgono solo la fondamentale funzione di ornare l’abito, ma al contempo fungono da catalizzatore di attenzione nei nostri punti di forza. Dunque, strategicamente posizionato su décolletés floridi, piuttosto che verticalmente sull’abito per mettere in risalto l’altezza, via libera allo sbrilluccichio furbo!

La Vetrina di FrancescaScopri di più su “La Vetrina di Francesca”
La Vetrina di Francesca

Ulteriore alleato della sposa curvy, che assume più le fattezze religiose di un deus ex machina di antica memoria, è decisamente l’intimo shaping: seguendo i dettami delle tendenze nella lingerie da sposa 2015, rivenditori presenti nella nostra directory – quali, tra gli altri, Lingerie di Moda a Milano, Formadue Luxury Underwear online ed Eva Biancheria a Napoli – sapranno certamente consigliarvi per il meglio nella guida del vostro intimo bello, prezioso e bodycon.

Formadue Luxury UnderwearScopri di più su “Formadue Luxury Underwear”
Formadue Luxury Underwear

Il nostro consiglio definitivo? Essere curvy non significa certo essere limitate, anzi. Si tratta semplicemente, come per ogni altro tipo di fisicità, di sapere scegliere ciò che meglio si adatta alle nostre benedette, e ripeto benedette, curve; di conseguenza, riempitevi gli occhi con le collezioni di abiti da sposa 2015 (di cui, per facilitarvi il compito, qui trovate una galleria fotografica, appositamente realizzata per voi), scegliete con cura, e rivolgetevi ad un atelier di abiti da sposa su misura come quelli presenti nella nostra directory, di cui abbiamo scelto una rosa nelle fotografie che accompagnano questo articolo, affinché possa realizzare l’abito dei vostri sogni, incentrato sulla vostra figura.

Le Spose di CocòScopri di più su “Le Spose di Cocò”
Le Spose di Cocò

Eleganza, personalità, ultime tendenze dalla wedding couture e quell’abbondanza che significa floridità, allegria, self-confidence e fascino felliniano: con caratteristiche di questo tipo, care spose curvy, l’X Factor è garantito, e per tutti sara un sì!

Aziende che ti possono interessare

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Maggiori informazioni

Lascia un commento

Crea un fantastico sito web gratuito per il tuo matrimonio in soli due click

100% personalizzabile con centinaia di grafiche tra cui scegliere Vedere altre grafiche >

Lavori nel settore matrimoni?
Se hai un'azienda o sei un professionista del settore wedding, Zankyou ti dà l'opportunità di far conoscere la tua attività a migliaia di coppie che scelgono noi per organizzare il loro matrimonio in più di 19 Paesi Maggiori informazioni