IT Login
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto
1 di 21 foto

Descrizione

Scrivere di fotografia e fotografi è sempre difficile, spesso e volentieri sono sufficienti le immagini e il loro ruolo di medium tra realtà e mondo del fotografo. Scrivere di fotografia vuol dire così cercare parole che per un attimo traspaiano ad un livello superiore dell'immagine e poi tornino a dissolversi dentro di questa, tornando ad essere una cosa sola.

Scrivere di Thomas vuol dire innanzitutto per me guardare con attenzione le sue inquadrature, scavare nelle ombre e nelle luci dei suoi bianchi e neri, cercare tra i passaggi di grigi, tra la scelta dei diaframmi, tra i colori che vincono sulle conversioni. La ricerca del suo modo di vedere e di sentire, passati in rassegna questi indizi, conduce ad un occhio curioso, che si dibatte tra slanci e silenzi. Un occhio e un'anima che hanno bisogno della partecipazione e della riflessione. I suoi contrasti spesso sono netti, il segno deve incidere più che spalmarsi, i bianchi e i neri sono materici, quasi tridimensionali. Ma allo stesso tempo possono divenire eterei, leggeri. C'è sempre una costante attenzione agli elementi che tratta: le sue foto si fanno d'aria, d'acqua, di cielo o di terra a seconda della vicinanza. Ogni volta, prima dello scatto, lui prende con sé una grande boccata di mondo, è parte di quel momento. 

Così, vi è attenzione per le vite che ritrae, vuole conoscere le storie, avvicinarsi con empatia a quelle anime che accompagnerà nel giorno del loro matrimonio e sarà per loro occhio e cuore.

Thomas è una persona sensibile, generosa, serenamente in bilico tra la maturità di padre e la spensieratezza di bambino. Guardandolo fotografare è facile riconoscere uno slancio spontaneo, un coinvolgimento totale, a conferma del fatto che ciò che fa, lo fa per passione. E' il suo linguaggio privilegiato, in lui vive ancora un sorridente fanciullino di pascoliana memoria.

Ascoltare, osservare, sentire, comprendere, intuire. E dare a tutto ciò una forma necessariamente unica, poiché filtrata dal suo essere, fatto di esperienze, letture, musica, lezioni di maestri, passioni, fede. Ciò che per molti potrebbe apparire un fascio di luce bianca, si scompone nella sua visione in un caleidoscopio di iridescenze: un momento diventa una sequenza, uno spettro sensibile di attimi. Le immagini che restano impresse sono così frutto di scelte e del sapiente uso dei “rubinetti” con cui dosa le singole componenti che le costituiscono. 

Il dialogo con lui diventa sempre un'occasione di crescita e scambio fruttuoso. Lo contraddistingue una sincera umiltà e la consapevolezza di essere l'interprete di una parte delle visioni possibili. Per questa ragione, pur fedele alla sua linea, alla sua impronta, ama il confronto a tutto tondo ed è convinto che ci sia sempre molto da imparare, da tutti.

Recensioni (0)

0.0
su 5 0 opinioni

Professionalità

Qualità/prezzo

Lo raccomanderesti?

Lo hai utilizzato? Lascia la tua opinione

Lo hai utilizzato? Lasciaci la tua opinione

Indirizzo di Thomas Harris - Firenze:

Via Scipione Ammirato, 102 50136 Firenze città 3331335193

Domande frequenti

  • Gamma di prezzo del servizio

    Prezzo medio

  • A partire da quale prezzo e' possibile contrattare reportage fotografici?

    1600

  • Quali servizi offrite?

    Fotografia, Video

  • Che stile fotografico utilizza maggiormente?

    Reportage

  • E' necessario prendere un appuntamento?

    Necessario appuntamento previo

  • Esiste un costo aggiuntivo per i trasferimenti?

    Possibili costi per spostamenti

  • In che anno ha iniziato la sua attività?

    2011